Quarto Oggiaro: anziana derubataa fermata bus, Polizia arresta 2 borseggiatrici “seriali”

Cronaca

Gli agenti di Polizia del Commissariato Quarto Oggiaro, a seguito della denuncia di una donna 90enne, sono riusciti ad individuare e denunciare due borseggiatrici, di 25 e 29 anni, domiciliate in via Bolla, in alcuni camper utilizzati da soggetti di etnia rom con numerosi precedenti penali specifici, entrambe con divieto di dimora nel comune di Milano. Agli inizi di aprile, la vittima, mentre era in procinto di salire sulla linea bus 91, è stata avvicinata dalle due donne, le quali, hanno iniziato a farle diverse domande per distrarre e a toccarla insistentemente con la scusa di aiutarla per poi riuscire a sottrarre dalla borsa il portafogli con carte di credito e bancomat. Subito dopo il furto, le donne, dopo avere individuato anche il pin del bancomat, sono riuscite ad effettuare otto transazioni in due esercizi commerciali e una banca, riuscendo complessivamente a spendere e prelevare circa 2mila euro. I poliziotti del Commissariato Quarto Oggiaro, grazie anche alla collaborazione della vittima, sono riusciti a ricostruire l’accaduto e a riconoscere e individuare le due malviventi che erano già state arrestate dagli agenti del commissariato in un altro furto ai danni di anziani, sempre a bordo della stessa linea bus, quella volta a commettere il furto erano in quattro. Nei video estrapolati dalla dagli agenti appare molto chiara la modalità operativa delle malviventi che cercano inizialmente di interagire con la vittime: mentre alcune la distraggono, le altre commettono rapidamente il furto, frugando nelle tasche o nelle borse. Può essere, pertanto, utile la raccomandazione della Polizia di Stato di non lasciare i vari oggetti di valore in più tasche diverse incustodite e di tenere la borsa sempre davanti, chiusa e sotto controllo. Importante anche il suggerimento – sottolinea la polizia – di non lasciare nel portafoglio bigliettini con annotati i pin di bancomat e carte di credito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.