Si allarga l’inchiesta sulle aggressioni sessuali di Capodanno a Milano

Milano

Si sta ampliando l’inchiesta svolta dalla procura e dalla squadra mobile di Milano per violenza sessuale di gruppo  per gli abusi e le molestie commessi da un branco di giovani ai danni di più di una ragazzina in Duomo durante i festeggiamenti in piazza Duomo la notte di San Silvestro.

Non solo la 19enne lombarda comparsa in un video sulla pagina MilanoBelladaDio e le altre due ragazze comparse in un video realizzato e pubblicato da Alanews, ma ci sarebbero altre denunce analoghe in fase di valutazione da parte dei pm del  pool “Tutela fasce deboli” guidato dall’aggiunto Letizia Mannella.

Valutando i video realizzati dai presenti nella piazza , insieme a quelli delle telecamere di sicurezza comunali e degli esercizi pubblici gli inquirenti sono al lavoro per arrivare in tempi brevi all’identificazione delle decine di presunti autori che – come si vede dai filmati – avrebbero agito in gruppo accerchiando e braccando le vittime indifese con l’obiettivo di molestarle verbalmente e palpeggiarle e, nel caso della 19enne, anche di tentare di svestirla.

Impressionanti le immagini dell’aggressione alla giovane con il piumino rosso, che si vede spuntare in mezzo al groviglio di teste, braccia e mani che la assediano. Qualcuno prova a fermarli, urla: «No, no, no, oh, è una ragazza». Il gruppo, però, non allenta la presa. Al termine dell’aggressione, la giovane è accasciata a terra, in mezzo a cartacce e bicchieri di plastica rotti. E’ stata salvata dall’intervento degli agenti in tenuta antisommossa, mentre gli aggressori si dileguano fuggendo un po’ ovunque. La ragazza è stata quindi soccorsa e portata alla clinica Mangiagalli.

Nella sua denuncia la giovane ha raccontato di essere stata accerchiata all’improvviso, in un momento in cui aveva perso di vista gli amici con cui era arrivata in centro città per festeggiare l’ultimo dell’anno. Aveva inizialmente pensato ad una rapina ed aveva consegnato la borsa al branco. Ma questi avevano iniziato a palparla e a svestirla, tanto da strapparle il maglione: “Io gridavo ma loro non mi lasciavano”, ha raccontato. Alcuni degli aggressori sarebbero già stati identificati.

La procura e la Squadra mobile di Milano indagano al momento sulle aggressioni sessuali commesse ai danni di cinque ragazze durante i festeggiamenti. I casi ritenuti dagli inquirenti di entità “gravissima” finiti già al centro dell’inchiesta per violenza sessuale di gruppo potrebbero però crescere nei prossimi giorni con l’arrivo di nuove denunce da parte di altre potenziali vittime di episodi analoghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.