La variante Omicron nelle acque di scarico di Milano già dal 12 dicembre

Milano

Tracce della nuova variante nelle acque del depuratore di Nosedo. Negli esami del 9 dicembre non ce n’erano. E dunque è in quei tre giorni che Omicron ha iniziato a circolare. Dal 14 dicembre le tracce nelle acque si fanno più frequenti  Finora era solo un «ingresso» presunto, stimato intorno a metà dicembre: oggi invece si può definire con più certezza la data nella quale la variante Omicron ha iniziato a circolare a Milano, e cioè poco prima del 12 dicembre. Quel giorno infatti i tecnici incaricati dall’Isicron tituto superiore di sanità fanno un prelievo dalle acque del depuratore di Nosedo. E in quel momento scoprono per la prima volta le tracce della nuova variante del Sars-Cov-2. Nei giorni successivi emergono poi i segnali che Omicron abbia già iniziato a circolare in maniera massiccia, perché il 14 dicembre viene trovata di nuovo nei prelievi a Milano-San Rocco (zona occidentale della città) e Canegrate. Nella settimana successiva poi la variante scoperta nelle acque sotterranee inizia a mostrare i propri effetti «in superficie» con la moltiplicazione dei contagi, che esplodono fin a quasi 40mila al giorno in Lombardia. Nel prelievi del 9 dicembre non c’erano tracce di Omicron, e dunque si può presumere che la circolazione a Milano sia iniziata proprio tra 9 e 12 dicembre.

GUARDA IL GRAFICO 

La ricerca appena pubblicata dall’Iss rivela che in realtà il primo segnale della variante in Italia è stato individuato non a Milano, ma a Venezia, il 7 dicembre. La densità di popolazione, attività e interconnessioni intorno al capoluogo lombardo ha però poi fatto sì che Milano sia diventato il primo epicentro italiano della variante. A testimonianza di quanto Omicron si diffonda rapidamente c’è infine la progressione delle analisi in tutta Italia tra 5 e 25 dicembre: nella prima settimana Omicron compare nell’1 per cento dei prelievi, nella seconda sale al 14 per cento, nella terza settimana è già al 64.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.