“Ma che ne sanno gli altri di quel glicine all’angolo?”

Milano

“Ma che ne sanno gli altri di quel glicine all’angolo della casa che pastella di viola e di verde le rughe profonde di muri dimenticati? E’ la mia primavera: un ciuffo che profuma di sole e di caldo, di immagini sempre uguali ma diverse, che sa di memorie e attese.”

E’ quel segno di identità di un luogo in cui Anna ha abitato per cinquant’anni, in una casa popolare accanto al Parco Nord. “Che ne sanno gli altri delle fatiche in fabbrica, dei lunghi tragitti a piedi per risparmiare anche i soldi del tram, delle risate sui gradini per stare insieme?” E le attese, le lunghe attese della bella stagione in cui si sperava che il mondo cambiasse.

Il glicine era il simbolo di una speranza, un modo per ingentilire l’oppressione del grigio, ogni anno una rinascita. “Che ne sanno gli altri di quella malinconia che brucia di rimpianto e si specchia in quel glicine per sciogliere in tenerezza le delusioni e le paure?”

Milano si veste di glicini a primavera e di colore, quasi fosse un respiro, un ampio respiro di futuro.

11 thoughts on ““Ma che ne sanno gli altri di quel glicine all’angolo?”

  1. Mai visto la pianta di glicini che copre il palazzo che fa angolo in via Fusinato a Milano zona Villapizzone? Ne vale la pena!
    Anche le periferie i loro angoli fioriti ma purtroppo non vengono mai menzionati

  2. Che meraviglioso racconto! Solo una persona sensibile può averlo scritto. A volte si cerca la felicità la bellezza in cose stupide e senza senso, e non ci accorge che anche in glicine può renderti felice. Un abbraccio a chi ha scritto questo racconto. claudia

  3. AVETE TRALASCIATO UN MERAVIGLIOSO E GRANDISSIMO GLICINE IN VIA MONTE POPERA ANG. VIA ROGOREDO. SERVIVA O SERVE DA COPERTURA A UN BAR TRATTORIA ESISTENTE CREDO DA SEMPRE. PROPRIETARIA LA SIGNORA CARLA.

  4. Vicino a via Comelico 7, che ne ha ben 3, c’è anche il bellissimo glicine visibile da piazzale Libia della casa di via cadore 51. E quello, più discreto, di via angelo maj 5.

  5. Vi siete dimenticati il glicine di via Mascagni e, soprattutto, quello di via Conca del Naviglio 18,
    oggi piuttosto ridotto per una sfoltitura eseguita da circa 20 giorni, ma alto ben cinque piani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.