Pagamento pensioni 2021, dall’INPS il calendario dell’anno: si conferma l’anticipo a gennaio

Economia e Diritto

Pagamento pensioni 2021, dall’INPS il calendario dell’anno: per gennaio si conferma l’accredito in anticipo per chi riceve le somme tramite Poste Italiane.

La prima data utile per il ritiro è fissata al 28 dicembre 2020: la tabella di marcia anticipata prosegue, poi, in ordine alfabetico. I pensionati che, invece, si sono affidati alle banche per ottenere gli importi a cui hanno diritto dovranno attendere, come di consueto, il primo giorno bancabile del mese, lunedì 4 gennaio 2021. Con la circolare numero 148 del 18 dicembre 2020, l’INPS fa una panoramica sulle pensioni 2021, dalla rivalutazione delle somme al calendario dei pagamenti, in cui si indica mese per mese quando arriva l’accredito.  

Pagamento pensioni INPS 2021, confermato l’accredito in anticipo a gennaio

Ormai da aprile coloro che ricevono le pensioni tramite Poste Italiane hanno accesso alle somme a cui hanno diritto in tempi più brevi. Come per i mesi scorsi, si procede in ordine alfabetico: il primo giorno utile per ritirare gli assegni pensionistici è il 28 dicembre 2020. Le ultime lettere dell’alfabeto potranno accedere agli uffici postali il 2 gennaio 2021. Il pagamento delle pensioni di gennaio 2021 viene effettuato in anticipo per limitare gli ingressi presso le sedi territoriali di Poste Italiane e arginare il rischio di contagio. Non riguarda, infatti, coloro che ottengono le somme a cui hanno diritto tramite le banche. Stessa tabella di marcia sarà adottata anche per febbraio 2021. Nel testo dell’ordinanza si legge che “il pagamento dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, di cui all’articolo 1, comma 302, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 e successive integrazioni e modificazioni, di competenza del mese di febbraio 2021, è anticipato dal 25 gennaio 2021 al 30 gennaio 2021”.

Pagamento pensioni 2021, dall’INPS il calendario dell’anno: si conferma l’anticipo a gennaio e febbraio

L’anticipo del pagamento delle pensioni dall’inizio dell’emergenza coronavirus è stato disposto periodicamente tramite diverse Ordinanze della Protezione Civile e ha seguito l’andamento della crisi epidemiologica. Con la circolare numero 148 del 18 dicembre 2020, l’INPS ha indicato tutte le date del 2021 in cui vengono accreditate le somme delle pensioni.

Viene confermata la regola ordinaria:

“Si rammenta che i pagamenti dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, nonché delle rendite vitalizie dell’INAIL sono effettuati il primo giorno bancabile di ciascun mese, o il giorno successivo se si tratta di giornata festiva o non bancabile, con un unico mandato di pagamento, fatta eccezione per il mese di gennaio nel quale il pagamento viene eseguito il secondo giorno bancabile (art. 1, comma 184, della legge 27 dicembre 2017, n. 205)”.

Eventuali novità sulle date di pagamento delle pensioni 2021 saranno comunicate di volta in volta, così come è accaduto per il 2020.Pagamento pensioni 2021 a cadenza annuale e semestrale

Con la stessa comunicazione, l’INPS indica anche il calendario degli appuntamenti annuali e semestrali:

  • i pagamenti di importo mensile fino al 2% del trattamento minimo sono effettuati in rate annuali anticipate;
  • i pagamenti di importo mensile eccedente il 2% e fino al 15% del trattamento minimo sono effettuati in rate semestrali anticipate. Non solo il calendario dei pagamenti delle pensioni 2021, la circolare numero 148 del 18 dicembre 2020 indica una serie di altri dettagli sulle somme in arrivo il prossimo anno.

La panoramica riguarda gli aspetti che seguono:

  • rivalutazione dei trattamenti previdenziali;
  • rivalutazione delle pensioni sulle quali sono attribuiti i benefici di cui alla legge n. 206/2004 e successive modificazioni (vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice);
  • prestazioni assistenziali e a carattere risarcitorio;
  • tabelle;
  • requisiti anagrafici;
  • gestione fiscale;
  • riduzione delle pensioni di importo elevato;
  • pensioni della Gestione privata;
  • pensioni della Gestione pubblica;
  • prestazioni assistenziali;
  • prestazioni di accompagnamento a pensione;
  • periodicità e date di pagamento
  • certificato di pensione per l’anno 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.