“Abbraccio all’umanità”: colonne di legno come alberi che emanano luce: installazione di De Lucchi

Milano

“Abbraccio all’umanità”  ed è calore, partecipazione. “Natura e architettura, Barocco e contemporaneità, colonne classiche e colonne reinventate, tutto contribuisce ad alimentare un’idea di vicinanza e comunità, pure nelle differenze. Perché alla fine tutto si risolve in un’emozione. “Un abbraccio metaforico – ha illustrato Michele De Lucchi – che arriva da un segno architettonico penso sia apprezzato un po’ da tutti”.

 Una serie di colonne di legno che emanano luce e che hanno la capacità di trasformarsi in alberi fantastici, a due passi dalla Scala di Milano. Per le festività natalizie Intesa Sanpaolo illumina Largo De Sabata, davanti al Santuario di San Giuseppe, nei pressi della sede milanese della Banca, con l’installazione dell’architetto Michele De Lucchi ‘Abbraccio all’Umanità’.

“Abbiamo mandato avanti un abbraccio – ha spiegato De Lucchi ad askanews – proprio come aveva fatto Gian Lorenzo Bernini a Roma, con il porticato stupendo di San Pietro, un grande abbraccio a tutto il mondo cristiano. Noi invece facciamo un abbraccio a tutto il mondo, cristiano e non cristiano, perché ci sentiamo che in questo momento merita di più. Ci sembra che questa installazione – ci ha detto – sia perfetta per esprimere i sentimenti che volevamo rappresentare, quindi sostegno alla città, sostegno alla gente, un segno di incoraggiamento e anche di fiducia, pur in un momento così complesso e così difficile”.

Elemento chiave di queste colonne luminose è il legno con cui sono state realizzate. A coordinare il lavoro Davide Angeli, vicedirettore dello Studio di Michele De Lucchi. “L’installazione di via Verdi – ci ha detto – abbiamo voluto realizzarla con le scandole di legno con cui si fanno o tetti in Trentino e nel nord Italia. E’ qualcosa che resiste alla neve, al freddo, all’inverno, quindi è adatta a essere parte di un’installazione natalizia. Queste scandole sono sovrapposte a creare un colonnato classico, che abbiamo reinterpretato con questo disegno contemporaneo”.

L’installazione resta davanti al santuario di San Giuseppe fino al 6 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.