Apeca: nei mercati fasce orarie preferenziali per anziani e consegne a domicilio

Milano

Presso i banchi dei commercianti associati ad Apeca, è stata decisa una fascia preferenziale per gli over 65 che avranno la precedenza dalle 8.30 alle 10.30. E, per tutti, spesa a domicilio da parte degli ambulanti nel quartiere del mercato (i riferimenti delle attività che effettuano la consegna a domicilio saranno presto disponibili sul sito dell’associazione www.apeca.it con tutti i dati necessari per prenotare anticipatamente la propria spesa, e sul portale della Confcommercio milanese dove già è presente un’ampia sezione con le imprese che effettuano la consegna a domicilio).
Apeca, l’Associazione ambulanti di Confcommercio Milano, intende così rendere sempre più sicuri i mercati milanesi su area pubblica, che a Milano sono 97, con 12.000 i posteggi  ambulanti e 4.000 operatori.
“Il nostro impegno – afferma Giacomo Errico, presidente di Apeca e presidente nazionale degli ambulanti Fiva Confcommercio – è sempre stato, in questi mesi molto difficili, di cercare di far lavorare il più possibile tutti i nostri operatori. E’ bene a questo proposito non dimenticare che, per l’emergenza Covid, molti ambulanti (eventi sportivi e spettacoli, fiere sagre) sono ancora impossibilitati a svolgere la propria attività. Ma è chiaro, lo abbiamo già scritto e lo stiamo ora nuovamente comunicando a tutti i nostri associati, che quest’impegno non può essere vanificato dalla mancata osservanza di regole chiare: stare nelle metrature assegnate in concessione, far rispettare il distanziamento ai propri clienti, indossare le mascherine e farne rispettare l’uso ai clienti presso il banco di vendita, collaborare per evitare gli assembramenti”.
“Le iniziative che stiamo attivando, a partire dalla fascia preferenziale al mattino per gli over 65, ma anche il rafforzamento della consegna a domicilio – prosegue Errico – puntano, in piena concordanza con il Comune di Milano, a garantire una minore pressione di presenze nelle ore di punta dei mercati ed una presenza ridotta della popolazione più anziana nelle aree di mercato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.