I barboni cantati da Dimiccoli e Jannacci hanno ancora dù oeucc de bon (con video)

Milano

Barboni nella miseria di una vita faticosa, ma con dù oeucc de bon e un cuore trasparente: così sono nella nostra memoria attraverso le canzoni popolari di Dimiccoli e Jannacci. E c’era forse l’ingenuità di una Milano romantica, che accentuava le diversità, ma i quadri avevano la tenerezza di un acquarello

“Una nòtt per amor disperaa /su la ripa de Porta Cines/cont la nebbia l’era el pòst ideal /per ‘mazzamm e levamm on grand pes /scarsa la lus on silenzi mortal me porti giò a dò pass dal canal/sari sù j oeucc me fò el segn de la cros/ma dal navili ven sù ‘na vos (Dimiccoli Barbun del Navili)

La filosofia della vita che è antica saggezza salva il disperato dopo una cantata improvvisata in un’osteria “Ueh i vigliach, guardom mì/hinn de sann che sont chì/sòtta i pont/senza on lett ne ona cà/per i dònn g’ho pu nient/vivi de carità/ma l’é mej fa ‘l barbon che crepà/d’ona robba son sicur/te le dis on amis/chi se coppa ‘l va nò/ in paradis/damm a traa va a dormì/te seet giovin per morì/fa nò’l stupid/ e ricòrdes de mi” (Dimiccoli)

Una ballata di buoni sentimenti, con la povertà che poteva diventare convialità, ma oggi ? Oggi i barboni sono tanti, manichini senza voce nelle strade, disperati nei sottopassi: nessuno conosce i tanti perché di un’autoemarginazione così radicale. Jannacci nella sua denuncia è tristemente attuale. “L’han trovaa sòtta a on mucc de carton,/gh’han guardaa el pareva nissun/gh’han toccaa, el’ pareva ch’el dormiva:« Lassà stà, che l’è ròba de barbon ». (Jannacci El portava i scarp del tennis)

Perché?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.