Colombo Clerici “Riqualificazione delle abitazioni, volano del rilancio”

Economia e Diritto

Il nostro sistema economico è mosso alla base da quattro fondamentali motori, il turismo, la produzione industriale, l’agricoltura e l’edilizia – commercio, servizi alla persona ed alle imprese, stanno al passo con il funzionamento di questi motori. Ha inoltre una grande risorsa a disposizione, costituita dal risparmio depositato dalle famiglie presso il sistema bancario, che ammonta complessivamente a ben 1400 miliardi.

Questo risparmio può essere utilmente coinvolto nel processo di rinascita economica del Paese, a condizione che si rigeneri la fiducia dei risparmiatori italiani nella serietà del sistema stesso. Dei quattro, il motore che meno funziona è l’edilizia, la quale non riesce a coinvolgere le risorse a disposizione del Paese. Eppure, fra i programmi che rientrano nelle politiche dell’Unione Europea, per le quali si sta approntando il potente strumento del Recovery Fund, rientra, assieme a cultura, ambiente, ricerca e digitalizzazione, anche un vasto piano di riqualificazione energetica degli edifici. Il patrimonio abitativo europeo ammonta a circa 25 miliardi di metri quadrati e sistemarne solo il 3 per cento all’anno comporta un piano di investimenti di 75 miliardi annui: questi i conti sulla base dei quali il Parlamento europeo si appresta a varare l’intero piano di riqualificazione edilizio/energetica degli immobili nell’ambito di uno dei pilastri della policy comunitaria.

L’Europa pensa ad una ondata di ristrutturazioni profonde e di sostituzioni edilizie. In Italia un piano di questo genere è di là da venire. Gli ostacoli sono: burocrazia infinita, vincoli condominiali, normative edilizio-urbanistiche punitive. Da noi riqualificazione edilizio-energetica significa prevalentemente rifacimento di infissi, sostituzione di caldaie e caldaiette, al massimo qualche cappotto termico.

Per risolvere il problema della attuale ingessatura del nostro sistema, derivante dalla presenza di 1milione e 200mila condomini, che si possono considerare tra i soggetti maggiormente sordi a qualsiasi istanza di rinnovamento urbano, occorrerebbe, oltre che l’istituzione di una vera e propria zona franca sul piano fiscale, una forte incentivazione economica per i singoli condomini, che solo una massiccia immissione di finanziamenti a fondo perduto sarebbe in grado di permettere.

Altrimenti il rinnovamento urbano potranno farlo solo le “multinazionali” del mattone.

Il problema è convincere proprietari e inquilini a lasciare per qualche tempo la loro abitazione ed a risiedere in case-parcheggio in attesa della ricostruzione. In Germania lo si sta facendo con successo, ed altri Paesi sono sulla stessa strada. E’ necessario che anche in Italia lo Stato convinca economicamente i condòmini a sopportare le conseguenze materiali e psicologiche dell’operazione.

Un impegno di tale natura da parte dello Stato, mettendo in moto tutta la filiera economica legata al momento ricostruttivo e riorganizzativo della vita urbana, potrà avere notevoli effetti moltiplicatori di investimenti, conseguendo quel coinvolgimento auspicato del risparmio privato di cui dicevamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.