Le pesanti calunnie e le bufale della sinistra lombarda

Politica

Caso Lombardia e le bufale di una sinistra fuori controllo e senza buon senso. Un articolo appassionato, ma lucido di Luigi Amicone su “Tempi” smaschera l’ipocrisia del PD soprattutto milanese. E parla un testimone dell’evolversi della Sanità lombarda, da tutti fino ad oggi considerata un’eccellenza. Scrive “…È come se in un amen si fossero dimenticati tutto: il sudore e il sangue di medici e infermieri; le notti tragiche che non si sapeva dove mettere i malati, tanta era la massa delle persone che pressava i pronto soccorso. Le sirene che a centinaia ululavano nelle notti lombarde dello scorso marzo. Niente. Il loro problema è “ripensare”. E denunciare. Ma ripensare e denunciare cosa se la sanità di Stato è quel che è, vi siete già dimenticati che sono vent’anni che anche i vostri amici giornali raccontano “viaggi della speranza” dal Sud agli ospedali lombardi?” E per chiarire riporta il capovolgimento della realtà “Riassunto e contestazione delle ultime balle messe in giro dal regime del “vai pure a farfalle ma guai a te se ti occupi di res pubblica che altrimenti ti tagliamo le mani”: caso Lombardia, ovvero, di un modello di governo non idealmente filo-cinese attaccato in forme di propaganda stile cinese da chi piace e auspica l’avvento di un modello alla cinese in Italia.

Ieri abbiamo visto un po’ ovunque titoli sulle “stragi nelle Rsa” europee. In Belgio, Francia, Spagna. E perfino in Emilia-Romagna (che siccome avevano vinto Bonaccini e le sardine in barile, non la fascio/leghista allarmista, fino a ieri sembrava fosse il paradiso terrestre). Infatti, le stragi nelle Rsa – come già scrivevamo noi qui nel nostro straordinario scoop di qualche giorno fa – non dipendono da quei bastardi berlusconian-leghisti di Giulio Gallera e Attilio Fontana. Ma è proprio colpa di un virus bastardo.

E se proprio proprio ci volete vedere dei furbetti che non l’hanno contata giusta, pensate al “modello cinese” tanto celebrato a Roma e presso l’ambasciata cinese dal due volte entusiasta del modello Cina Beppe Grillo e perfino da grandi giornali di establishment governativo.

Punto secondo. Ho detto l’altro ieri in Consiglio comunale, citando il caso della democratica e di sinistra e ultra scientista New York che da sola è messa peggio di tutta Italia in fatto di contagiati e morti da coronavirus; giurando vendetta politica per la ignobile canea che il Pd ha deliberatamente scatenato contro l’amministrazione e la sanità lombarde che si sono prese l’urto più apocalittico dell’epidemia (metà dei contagi e dei morti di tutta Italia): NON ESISTE NESSUN CASO LOMBARDIA!

Lo poteva capire chiunque dotato di un minimo di onestà intellettuale. Niente da fare. Lenin insegnava: calunnia calunnia, qualcosa resterà. In questo caso la grossa grassa calunnia alla cinese che ha continuato ad aleggiare anche negli interventi della maggioranza di Beppe Sala in Consiglio comunale è stata prontamente e chirurgicamente smontata da uno studio clinico coi contro baffi anticipato ieri da Milano Finanza.

Punto terzo. Che la speculazione contro la Lombardia (“la sanità lombarda è da ripensare”) è solo un brutto espediente anti Salvini, lo si capisce anche solo informandosi bene da chi in questi due mesi è stato nelle famose trincee. E non dietro le linee del videoselfie mattutino di un sindaco Sala che si improvvisa virologo, direttore sanitario e magari pure terapeuta intensivo della propria giunta in grande affanno. È bene che anche il sindaco della sinistra al caviale non faccia finta di dimenticare che per la sanità in Lombardia gli ultimi due mesi sono stati due mesi di “medicina di guerra”, non di aperitivi ai Navigli.

Modestissima e irresponsabile sinistra lombarda, che crede di essere già alle elezioni del 2021, teme per la riconferma del suo povero sindaco e perciò chiama stupidamente alla canea, agli esposti in procura, alla diffusione a mezzo stampa degli insulti anti lombardi, un po’ di tutti i trinariciuti che hanno greppia in Comune, nella città metropolitana e al governo di Roma (dunque tre istituzioni governate dalla sinistra contro l’unica non governata dai riccastri o garantiti dal denaro pubblico). Centri sociali compresi. Che per arrotondare le spese di case pubbliche e private da loro occupate, per l’occasione del virus si sono trasformati in “diplomazia” Oms e ribattezzati (con la benedizione degli assessorati e like di cuoricini) “Brigate della solidarietà’”.

Insomma una bella catena di sant’Antonio. O meglio, un porta a porta che sfrutta il virus per veicolare il consenso e far dimenticare la sinistra che gridava all’allarmismo truce dei fascio-leghisti. Spiegava che “è solo un’influenza” con la famosa virologa dei giornali puliti. E – ciliegina dei nati buoni e puliti ma col braccino corto – metteva solo 3 milioni di euro (a fronte di un bilancio del Comune di Milano di 3 miliardi, lo 0,1%) sul piatto dell’emergenza più devastante della storia della città sotto la Madonnina degli ultimi cinquecento anni. E tutto questo accade neanche fossimo all’aprile 2021 e le tipografie fossero già al lavoro per stampare i santini del nuovo Cecco Beppe….

Ecco, allora, solo per avere un’idea, cos’è che ha permesso a ospedali come quello di Brescia di trovare 900 – ben novecento! – posti fuori sacco in una settimana. E di ospitare, assistere, curare, ben 4.500 persone in un solo mese. E insieme continuando a gestire tutte le altre gravi e gravissime patologie, dall’infarto al cancro….”

3 thoughts on “Le pesanti calunnie e le bufale della sinistra lombarda

  1. Se Prima si faceva Politica Ideologica Culturale, compreso i picchetti CGIL, poi arrivarono i Giustizialisti al Palazzaccio che intimorisce, Industriali e Politici, tanto che, persino alcuni Socialisti, fecero il passo sostenendo i Comunisti. Dopo il danno a Cultura, Scuola, Diritto, UE unica voce attiva è, prelievo c/c da er Topo Amato, premiato alla Corte Costituzionale e tasse e che sommandoli con IVA ai pensionati gli ruba il 50% dell’assegno, ma rivalutato nel caso mio in venticinque anni! E giunto l’anno 2011, eccoci nelle mani si ccheski con l’aiuto parassitario del vecchio Comunista Napolitano e Monti, e c’est finì la Prima Repubblica Politica con Morte e Guerra alla Libia, Pestilenza d’oggi, che siamo richiusi sotto coprifuoco Cornutovirus, eccoci qua: peggio del peggio e sottostare ad innumerevoli Decreti con giudizio di Cassese su Conte: ” Il primo decreto era fuori legge ” ex Presidente Emerito del della Corte Costituzionale. In poche parole, siamo sotto ricatto, difatti, col Governo di cialtroni, ma molti battaglio aggratis in Telekabul come CGIL Comunista con ricostruzione di carriere, Presidenze in Enti Pubblici o in Commissioni, e per Giuseppi, appena un ennesima Commissione con centinaia di tecnici: eccoli, con le Network Semper Fidelis all’Idiota Ideologia Marxista non aggratis a giurare fedeltà con attacchi a Fontana, Lombardia con il paron ” Rinvolterò l’Italia come un Calzino ” Nessuno dice che arriva la Carestia Morte, Pestilenza e Guerra in Africa? È UN Atto dovuto, e perché a Ccheski che ha contribuito insieme a Borrelli con l’Amaro Petrus a distruggere il Diritto e l’Economia del Bel Paese? Insomma, spuntano la cancrena da Prodi ai Comunisti camuffati da sardine con l’ignoranza Ideologica e Culturale: così il Centrodestra depresso, mentre sparecchia un Governo d’incapaci? Ma per ccheski i colpevoli sono Salvini demonizzato e la Melone, Mentre, in Usa è Trump: ma a parte il Tycoon con voce imperante, e chi altri a parte lo scopritore dell’Aids Montagnier, si scagliano contro i cugini Comunisti Cinesi che hanno taciuto sul Cornutovirus comportandosi ” Zitti e Mosca ” dell’Urss dell’amata Patria di Napolitano e Dirigenti PCI-PD? Ovvio, che questo post sarà azzannato con tre parole volgari, dai Semper Fidelis all’Idiota Ideologia Marxista e degli Azzeccagarbugli che per mestiere dal 1948 sanno navigare contro correnti con battaglie vinte accaparrandosi di tutti i Poteri sino al Quirinale: oggi grazie a Mattarella e Francesco in mezzo al Covit-19, aspetteranno la prossima zampata per accaparrarsi ancora una volta il Potere coercitivo, ma per loro giustificato contro il Popolo. Totò, ha ragione ancora…e io pago!

  2. Oh Beppe! Ma tu sei quello di #milanonosiferma con gli aperitivi vero? Insieme al compagno di merende Laziale contagiato e curato dalla sanità pubblica nonostante il comportamento puerile che avete tenuto in crisi Covid vero?
    Beppe in qualità di mio rappresentante come sindaco, eh già perché in fondo noi milanesi siamo i tuoi datori di lavoro, mi togli una curiosità?! Io leggo, molto e mi documento, molto. Una domanda semplice… per circa 18 giorni durante i giorni più neri della pandemia lombarda, sei letteralmente sparito, dalla scena pubblica, dalle testate, dai social….ma … mi spieghi dove eri finito? Perché come diceva un grande uomo della prima repubblica, quando ancora c’erano dei politici con la P maiuscola, a pensar male si fa peccato, ma ci si Azzecca…..

  3. Vorrei fare una piccola considerazione, da cittadino deficiente quale mi reputo:
    A proposito delle scatenate inchieste giudiziarie messe in atto dal Governo per vederci chiaro sulle case di riposo lombarde, ecatombe di anziani contagiati e deceduti, e quindi in ultima analisi mettere sotto accusa la Sanità lombarda e punirla per incapacità gestionali (a forza leghista e prima ancora formigoniana), nulla togliendo alle inchieste della magistratura, mi chiedo, da cittadino ben consapevole di essere un deficiente, se dietro tutto ciò non ci sia una gran voglia di abissare altre pecche, forse ancor più gravi, venute fuori in occasione di questa pandemia.
    Premesso che le case di riposo non esistono solo in Lombardia ma in tutta Italia e probabilmente, anzi certamente anche li, le cose saranno andate nello stesso modo (ma non ipotizziamo cose di cui nessun giornale o TV parla), il voler sottolineare cosi aspramente il caso lombardo, da buon cittadino deficiente, non mi fa mangiar la foglia, ritenendo colpevole solo il caso lombardo e assolvendo tutto il resto del Paese !!! Milano e la Lombardia una ecatombe di CoronaVirati .
    Ormai da lunga data sappiamo che noi italiani abbiamo una Memoria corta, anzi cortissima se non addirittura assente ! E questa Memoria ci deve riportare alle Origini del caso Coronavirus, quando agli inizi di Gennaio 2020, dopo le festività natalizie e quando rientravano dall’estero i nostri connazionali, (avevamo già saputo dell’Epidemia in Cina), i Governatori del Veneto e Lombardia lanciavano l’Allarme e chiedevano di metter in quarantena tutti i cinesi che rientravano in Italia e di chiudere gli aereoporti.
    Un coro unanime da parte del Governo PD e 5Stelle, gridava al Razzismo, alla Omofobia, al populismo al sovranismo della Lega e di quantaltri si schierava dalla parte dell’opposizione. Il Premier in primis in TV rassicurava e ci dichiarava pronti nel caso fossimo stati invasi ed attaccati da Virus alieni !!!
    Le cose però presero un altro corso ed il Virus iniziò a manifestarsi con irruenza, proprio in Lombardia.
    Più avanti si decise di dichiarare la Lombardia Zona Rossa e tra il dire ed il fare (qualche giorno di attesa) i milanesi ne approfittarono per scaraventarsi sui treni, in autostrada e raggiungere altri territori del nostro paese.
    Questi alcuni esempi di come il Governo gesti la situazione CoronaVirus.
    Atti da porre all’attenzione della Magistratura ?
    Da cittadino ben consapevole di essere un emerito deficiente, ben me ne guarderei !
    Però, mi vien da dire, che se anzichè attaccare con ironia ed insulti i Governatori di Veneto e Lombardia, si fossero perlomeno preso in considerazione i loro suggerimenti, ed attuati i provvedimenti necessari per tempo, questa ecatombe lombardo-veneto si sarebbe potute ridurre al minimo.
    Ho fatto questi due esempi, ben sapendo di essere un inesperto cittadino deficiente, a cui però non sfugge l’identico o simile comportamento sia lombardo che governativo, e non mi spiego perchè l’uno sia cosi duramente attaccato e l’altro momentaneamente rimosso o addirittura eclissato !!!!
    In fondo mi paiono eguali sia nella inadeguatezza delle circostanze, sia nella fatalità del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.