“E l’era tardi in quella sera stracca”…e oggi, se hai il peso di una cambiale? (video)

Milano Video

Conoscevi l’Enzo? Era un saltimbanco della musica, sfidava le note, ma Milano era quella che era, e lui la sentiva nella nebbia dei Navigli, di Rogoredo, della Bovisa. Perché ci vuole orecchio, diceva e quelli che praticamente hanno il birignao erano esclusi. E adesso che sto coronavirus ci ha lasciato in bolletta, chi ci paga le cambiali? E mi è venuto in mente “ier sera e l’era tardi”, quella malinconia di un povero cristo che l’Enzo cantava

“E l’era tardi, l’era tardi
in quella sera stracca
che m’è vegnuu el bisogn d’on milla franch
par quattaa ona tratta
domandà mi gh’avevi vergogna,
domandà e savè nò a chi l’è
Gh’era el Rino, l’è vera el Rino
soldaa insemma in di bersaglier
Ma l’era tardi, l’era tardi
in quella sera stracca,
e disturbaa la gent, sposaa de pòcch,
col lavoraa ch’el fiacca!
“La me scusa, sciora… gh’èel Rino?
la ghedisa: gh’è el bersaglier”
El vien giò di scal in camisa
mi sorridi, lu nanca on vers
“Ciao, Rino: scusa, el soo, l’è tardi,
ma in questa sera stracca
vorevi saludatt, ciamà i bei temp
de la guerra vacca!
Quand te seret senza morosa,
quand andavom a ciapaa i ciocch!
Si, ma Rino, gh’è un’altra ròbba
và no via, Rino. Ciao, Rino… ohé!…”
E me el savevi: l’era tardi
per disturbaa la gent
ciappaa magari a fà l’amor…
la gent che la gh’ha i sò impegn…
Si, ma ‘emm faa
anca la guerra insemma,
sott’a i bomb, contr’a i fusilad;
var pussee incoeu on bell milla lira
in saccoccia desmentegaa”

E oggi, a chi chiedere un prestito quando tutti siamo nella stessa barca? Al Comune? Al Governo? E allora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.