Berlusconi : sospendere le regole UE sul default

Economia e Diritto
Lo Stato è oggi impegnato, attraverso tutte le sue articolazioni, in un grande sforzo per tutelare la salute pubblica, e, grazie anche alla dedizione ammirevole e all’impegno generoso del personale sanitario e di quello preposto alla tutela della sicurezza, abbiamo positive ragioni di ottimismo.

Accanto ai problemi di carattere sanitario, che, come è stato ampiamente dimostrato non hanno dimensioni tali da giustificare il panico, l’Italia si troverà certamente a dover affrontare difficoltà economiche gravi e dolorose.
Forza Italia ha fornito al governo un contributo concreto di idee e proposte che hanno come obiettivo quello di preservare l’occupazione e di sostenere le aziende e i settori che saranno maggiormente colpiti a partire dal turismo, dal commercio, dall’agricoltura e  dall’edilizia: la chiusura di imprese ed esercizi commerciali provocherebbe una perdita di consumi e di gettito Iva.

Non può essere sufficiente la sola sospensione dei pagamenti delle imposte e dei contributi previdenziali se non si mette in campo un progetto serio di sostegno e di accompagnamento delle aziende attraverso le prevedibili difficoltà.

Ci batteremo anche a livello europeo perché l’Italia possa utilizzare tutti gli strumenti comunitari per sostenere l’economia, ivi compresa la richiesta di sospendere temporaneamente le regole Ue sul “default” e sul pagamento dei debiti che gravano sulle imprese.

Prioritario è che il governo si impegni per affermare una immagine corretta dell’Italia e della sua grandezza nel mondo: da questa immagine dipendono infatti turismo ed export, due settori indispensabili per l’economia italiana.

Per quanto ci riguarda, noi continueremo a valutare gli accadimenti e a presentare al governo le nostre proposte di interventi concreti.

Silvio Berlusconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.