Pil: Brunetta, “Da Commissione UE mazzata per il Governo, l’Italia si conferma cenerentola economica d’europa”

Economia e Diritto

“Anche la Commissione Europea ha abbassato le stime di crescita sul Pil italiano. +0,3% le previsioni di crescita per il 2020 e +0,6% quelle per il 2021, dalle precedenti +0,4% e +0,7%. Nella classifica della crescita, il nostro Paese si conferma, ancora una volta, al poco onorevole ultimo posto e a quasi un punto percentuale di distanza dalle penultime, Germania e Francia (+1,1%). Gli ultimi governi di sinistra sono così riusciti nell’impresa di far rimanere l’Italia sistematicamente in ultima posizione, rendendola la Cenerentola economica dell’Europa. La Commissione, nelle sue Winter Forecast, ha segnalato che “i rischi al ribasso sulla prospettiva di crescita restano pronunciati”, quasi a voler dire che le previsioni potrebbero essere tagliate ulteriormente. Vorremmo sbagliarci, ma le stime della Commissione sembrano essere eccessivamente ottimistiche, nonostante dipingano una crescita nuovamente da “zero virgola” anche per i prossimi anni.

Nei giorni scorsi, infatti, altre agenzie di previsione si erano espresse con previsioni più basse, dal -0,1% di Mazziero Research al +0,2% dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio e dell’agenzia di rating Scope. A prescindere dai decimali, rimane il fatto che la previsione del +0,6% formulata dal Governo lo scorso ottobre per il 2020 è ormai obsoleta e che il Tesoro dovrà quindi almeno dimezzarla nel prossimo DEF di Aprile. Con un tasso di crescita dimezzato per i prossimi due anni, il problema per l’Esecutivo giallorosso è quello che i rapporti deficit/Pil e debito/Pil aumenteranno automaticamente, per l’effetto riduzione del denominatore. Un problema in più con Bruxelles, considerando che il deficit potrebbe salire al 2,5% del Pil, ad un valore superiore a quello dell’anno scorso (2,4%) che rese indispensabile ricorrere a una manovra correttiva di primavera”.

Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.