A Linate al via sperimentazione “face boarding”

Milano

E’ operativo da oggi il Face Boarding di SEA, il progetto sperimentale che consente ai passeggeri di Milano Linate di effettuare i controlli di sicurezza e l’imbarco attraverso un innovativo sistema di riconoscimento facciale. Con questa nuova tecnologia, sicura, semplice e veloce – sottolinea Sea -, non è più necessario esibire il documento d’identità e la carta di imbarco durante le procedure di controllo e di imbarco. Grazie ad un apparato multimediale che rileva le caratteristiche biometriche del volto passeggero e acquisisce elettronicamente le informazioni contenute nel passaporto e carte di imbarco, al passeggero basterà mostrare il proprio viso e arrivare all’imbarco senza file. L’utilizzo di questa tecnologia, resa possibile grazie alla collaborazione di Enac e Polizia di Stato, permetterà di avere una corsia preferenziale e veloce per i controlli di sicurezza e per i gate d’imbarco rendendo il percorso all’interno dell’aeroporto più fluido ed efficiente e migliorando la passenger experience. Il progetto Face Boarding è in fase sperimentale fino al 31 dicembre del 2020. In questo periodo, esclusivamente sui voli Alitalia della tratta Milano Linate–Roma Fiumicino, possono accedere i passeggeri che hanno già i re-quisiti per accedere al fast-track, maggiorenni, muniti di carta d’imbarco e documento elettronico (passaporto o carta di identità elettronica rilasciata dopo il 1° gennaio 2017). Ai viaggiatori sarà offerta la possibilità di aderire al controllo biometrico su base volontaria. Non viene memorizzata alcuna foto. Il sistema rileva temporaneamente solo i contorni biometrici del volto i quali sono utilizzati per il riconoscimento del passeggero. Questo sistema permette di utilizzare passaggi dedicati, sempli-ficando tutto il processo di partenza in aeroporto. (mianews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.