Bruno Pellegrino “Così era Milano – I sestieri” Alla riscoperta della Milano di ieri

Milano

Porta Vercellina – Porta Ticinese – Porta Romana Porta Orientale – Porta Nuova – Porta Comasina

In oltre 1000 pagine, il “meneghinologo” Bruno Pellegrino racconta le sue sorprendenti passeggiate, sestiere per sestiere, via per via, cortile per ­cor­tile…  alla riscoperta della Milano di ieri attraverso la città di oggi.

Elegante cofanetto rigido 6 volumi di 176 pagine a colori cad (1056 pagine) euro 125,00

Sei volumi riccamente illustrati a colori, raccolti in un prezioso cofanetto, che contengono tutto (ma proprio tutto!) ciò che per ­vestigia d’arte o ­reminiscenze storiche meriti di essere segnalato, oltre a curiositàstorieleggendeaneddoti relativi a fatti e personaggi legati alla città di Milano.

«Tutto ebbe inizio in via Lanzone, il tracciato che discende leggermente ricurvo dalla piazza S. Ambrogio… – racconta l’autore nell’Introduzione del primo volume dell’opera – Era il ferragosto del 1970. La strada, deserta per il consueto esodo estivo, sembrava essersi ripresa

i suoi silenzi medievali rivelando scorci prima ignorati. Certo, vivevoal presente, eppure da quel severo portalone ’700 al n. 30 pareva dovesse uscire da un momento all’altro un giovin signore con tantodi mazza e codino sotto il tricorno. E l’attigua chiesetta di S. Agostino, cos’aveva da raccontare? Dopo avere sfogliato invano qualche Baedeker, mi risolsi a sommozzare l’archivio storico. E così venni a sapere che proprio sul sagrato di quella, verso la metà del ’500, la ricca contessa Torelli di Guastalla era stata assalita dal parentado furente ch’ella disperdesse il cospicuo suo patrimonio in opere di carità…

Ci presi gusto e, da allora, armato di impavida ostinazione e di un pizzico d’amore per la memoria della nostra Milano, iniziai a setacciare una dopo l’altra tutte le strade e stradine che si rincorrono entro

la simbolica cerchia dei Naviglio poco oltre, a caccia di quei monumenti per così dire minorise non addirittura minimi, che per schegge d’arte o reminiscenze storiche

meritassero di venir segnalati, descritti e fotografati…» 

La grande strenna 2019 da regalare e regalarsi

In tutte le migliori librerie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.