Tra ratti e scarichi intasati, l’Odissea delle case popolari di via Fleming

Milano

Come se tutta la storia del recupero di crediti (una buona parte dei quali scaduti) coi saldi di fine stagione non bastasse, continua l’assoluto disinteresse del Comune per le case popolari. Le periferie, dopotutto, interessano a Sala ed alla Giunta in campagna elettorale. Raccogliamo e rilanciamo la denuncia del Consigliere di Milano Popolare Franco Vassallo:

“Via Fleming 19.

Un complesso di 5 palazzine con 200 famiglie e parecchi appartamenti vuoti, il tutto gestito da MM. Oramai qui regna la rassegnazione e il rimpianto ai precedenti gestori.
Più che un complesso sembra un’area in costruzione abbandonata a se stessa.

Sembra uno di quei cantieri dove l’impresa è fallita e ha abbandonato il tutto, basta osservare le recinzione attorno ai fabbricati a protezione dei passanti, segnalando il pericolo per la caduta di calcinaci, Più che proteggere sembra essere essa stessa la fonte di pericolo.
Un grande cantiere sgarrupato perenne, dove tutti i problemi
di manutenzione e di ristrutturazione sono rimasti intatti per anni.

La gente è stanca di sentire le continue promesse di intervento, ma sopratutto di vedere lavori non controllati dal committente.

Il recupero delle facciate risale a qualche decina d’anni fa, ora cadono a pezzi.
Le recinzioni sono abbandonate, i vetri rotti, i cancelli non funzionanti, le colonne di scarico intasate, blatte, topi e chi più ne ha per più ne metta abitano gli anfratti meno illuminati.

La gente. ovviamente è furibonda e si sente abbandonata: continua a puntare il dito contro il gestore che non risponde e non dà spiegazioni.

Ogni contatto telefonico è invano, le risposte che danno dal call center, fanno solo infuriare. Vogliono risposte concrete e interventi immediati e non sentirsi dire: “abbiamo aperto il ticket” .
Nella giornata di Domenica scorsa, un inquilino si è trovata per l’ennesima volta la casa allagata dalla fuoriuscita di reflui dagli scarichi dei bagni e dei lavandini, a causa della colonna centrale ostruita.

Sarebbe opportuno che il sindaco Sala tralasci per un momento le merende e colazioni nelle piazze e vada a visionare i quartieri, almeno per rendersi conto di come sono fatte le periferie e di come la sua partecipata gestisce le case, patrimonio immobiliare di tutti cittadini”.

Dubitiamo che Sala accoglierà il consiglio, ma non smettiamo di sperare. Il lavoro continuo del consigliere Vassallo, la sua vicinanza ai problemi dei cittadini e le sue battaglie sono troppo importanti e sentiti per consentircelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.