Caldo a Milano: aumentano i consumi elettrici – Linee guida per il risparmio energetico

Cronaca

Le alte temperature previste a Milano tenderanno ad aumentare drasticamente i consumi di energia in città.

Già nella giornata di mercoledì 19 giugno alle 14 i sistemi hanno registrato un carico massimo sulla rete elettrica di 1.306 MW, il dato più alto del 2019. Unareti, la società del Gruppo A2A per i servizi a rete che gestisce la distribuzione di energia elettrica a Milano, ha messo a disposizione dei cittadini un servizio che consente di ricevere via SMS segnalazioni riguardo eventuali interruzioni della fornitura elettrica. Il servizio è attivabile inviando un SMS al numero 342-4112705 con il proprio codice POD (ossia il codice alfanumerico che inizia con le lettere IT riportato in ogni bolletta e nel contratto di fornitura), il Codice Fiscale o la Partita IVA. Per una corretta registrazione, è importante non inserire spazi e/o caratteri speciali, se non la virgola, tra il codice POD e il CF o P.IVA   A2A raccomanda piccoli accorgimenti per attenuare il carico sulla rete elettrica cittadina e il conseguente rischio di interruzioni del servizio.

Si consiglia di utilizzare gli elettrodomestici più energivori (lavatrici, lavastoviglie, ecc.) con programmi a basse temperature e basso consumo, prediligendo un utilizzo durante le ore notturne quando è minore la richiesta di elettricità. È opportuno impostare gli impianti di climatizzazione a temperature non inferiori ai 25 gradi, con il sistema di deumidificazione attivato; si ricorda che temperature più basse, oltre a consumare più energia, possono comportare problemi di salute. Si consiglia di climatizzare solo i locali maggiormente u tilizzati, e ottimizzare l’effetto tenendo sempre porte e finestre chiuse. Infine sono sempre utili piccole attenzioni come spegnere la luce nell’ambiente che non si sta utilizzando e non mantenere le apparecchiature elettroniche, come TV, computer, caricabatteria dei cellulari, in stand-by quando non vengono usate: le apparecchiature in stand-by continuano a consumare elettricità.

A2A ringrazia tutti i cittadini per la collaborazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.