Municipio 4: Oscar Strano (F.I) “In sintesi un lavoro impegnativo e continuo contro l’illegalità”

Milano

In fase di “relazione annuale”, Oscar Strano Consigliere di Forza Italia nel Municipio 4, fa il punto sul lavoro fatto durante l’anno. Il lavoro è stato impegnativo e quantitativamente notevole.

Scrive su Facebook “ Anzitutto “pragmatismo”. Ci siamo sempre posti, nei confronti del Comune di Milano – livello amministrativo che prende le decisioni, sostanzialmente, in tutti i campi – quale interlocutore propositivo. Non vi è mai stato tema, parere, richiesta che ha avuto, da parte nostra, un diniego immotivato. Anzi, è sempre stata nostra premura avanzare, qualora in disaccordo, una contro-proposta. Questo a dimostrazione che la visione di governo l’abbiamo sempre maturata. Non è nel nostro stile fare dei Municipi una sorta di opposizione 2.0 della maggioranza in Comune. “Promozione della legalità e buone pratiche per la convivenza”. Potrebbe essere capitolo del nostro “libro bianco”. Ogni azione intrapresa dal Municipio aveva quelle come finalità. Ci siamo distinti per promuovere la cultura della legalità, della sicurezza, della convivenza civile contro gli abusi che spesso, nelle nostre strade, nei nostri parchi, attorno alle nostre case, si esercitano.

Personalmente, da quando sono stato eletto, ho cercato di impostare il mio mandato sull’ascolto e sulla conseguente proposta. Dei dossier più importanti seguiti cito la riqualificazione delle Case Bianche di Via Salomone, la nuova vita del Parco Guido Galli, il rifacimento della cancellata di Via Nervesa, la battaglia a favore di una risposta razionale alla riduzione dei parcheggi in Viale Ungheria, la lotta alla droga e l’azione per ridurre i flussi di tossicodipendenti a Rogoredo, le iniziative per non lasciare soli i nostri giovani nei quartieri, la promozione di iniziative sociali e culturali che mettano al centro le persone e le loro storie, il recupero di beni comunali abbandonati, come la Ex Scuola di via Zama, o del “Ponte Piano” di Ponte Lambro, il sostegno alle associazioni che fanno aggregazione e socialità, le battaglie al fianco degli imprenditori di Via Medici del Vascello e Pestagalli, delle illegalità dei campi nomadi, alle occupazioni di case popolari.
Certo, non è facile arrivare a tutto, tanto più perché dal “piccolo” del Municipio non si può che sollecitare, spronare, stimolare i più alti livelli istituzionali. Tuttavia sono soddisfatto del lavoro fatto sino a qui, consapevole che ancora molto vi è da fare e che in questi ultimi due anni dovremo essere ancor più determinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.