Scrive un lettore: Via Mambretti, terra di nessuno, come forse tutte le periferie di Milano

Milano
Via Mambretti, zona nord Ovest di Milano, terra di nessuno (come forse tutte le periferie di Milano).
La percorro tutti i giorni a piedi per recarmi a lavoro. Uscendo dal passante ferroviario di Milano Certosa, bisogna fare slalom fra: carrelli dell’Esselunga abbandonati e pieni d’immondizia, cartoni di bottiglie di birra vuote (quando va bene nei cartoni) abbandonati dalla sera prima, immondizia di ogni genere, biciclette, (o quello che ne resta), legate ovunque.
Questo nel pomeriggio. Al ritorno verso le 23,30 le cose peggiorano: bivacco di persone ubriache con musiche a tutto volume nella pensilina del passante. (ecco la conseguenza delle bottiglie abbandonate). Macchine e furgoni parcheggiati su i marciapiedi. (oltre a quelle macchine apparentemente parcheggiate in modo corretto lungo la carreggiata, ma in realtà sono abbandonate). Puzza di piscio, e attenzione a non pestare le urine (non dei cani) che ancora fumano sull’asfalto.
Una volta alcuni operatori dell’AMSA (l’azienda che si occupa delle pulizie) stavano pulendo, mi sono avvicinato e le ho detto: «Meno male che pulite, peccato che fra qualche minuto sarà peggio di prima» Mi rispondono con rammarico «Si, è vero».
Concludo dicendo che Milano non è solo la città che tutti vedono in Tv con le grandi sfilate di moda, via Montenapoleone, via della Spiga, il Duomo ecc ecc. Ci sono anche le periferie abbandonate
Silvano Mazzella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.