Centrale – Polfer: denunce e arresti per droga, borseggi e resistenza

Cronaca

In Stazione Centrale, durante un servizio straordinario di controllo della Polfer, giovedì pomeriggio sono state identificate 146 persone, di cui 58 stranieri, 6 comunitari e 82 italiani. Fra questi due sono stati denunciati: un tunisino entrato illegalmente nel territorio italiano e un bengalese che si era rifiutato di esibire un valido documento di riconoscimento.
Martedì scorso invece, i poliziotti della Squadra di PG della Polfer, hanno tratto in manette una 14enne bosniaca per furto aggravato. La ragazza aveva insospettito gli agenti aggirandosi in  Stazione  Centrale, tanto che hanno deciso di seguirla. Accorgendosene, lei si è affrettata verso l’uscita, liberandosi di qualcosa in un’aiuola. Come hanno scoperto i poliziotti, si trattava di un portafogli con carte di credito che è stato subito riconsegnato alla proprietaria, mentre la giovane  è stata condotta al Beccaria.
Mercoledì, i poliziotti della Polfer Bovisa, sono intervenuti per un tunisino segnalato come persona molesta. Da un controllo del suo zaino l’uomo, di 38 anni, è stato trovato in possesso di 8 involucri in plastica per un totale di 530 grammi di hashish ed è stato arrestato per spaccio di sostanza stupefacente.

Venerdì infine, gli agenti del Settore operativo di Milano Centrale hanno tratto in arresto una 27enne di origine rumena  perché a suo carico vi era un ordine di carcerazione di 1 anno, 9 mesi e 26 giorni di reclusione oltre al pagamento della multa di 400 euro, per cumulo pene. La donna è stata portata al carcere di San Vittore.
Sempre in Stazione  Centrale sono finiti in manette un  iracheno di 23 anni e un algerino di 25, per furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale. I due stranieri si erano mischiati  a un nutrito gruppo di turisti presso la Galleria delle Carrozze, ma il loro atteggiamento ha destato i sospetti degli agenti che hanno cominciato a tenerli d’occhio e così hanno notato  che, una volta giunti su un tapis roulant, si sono posizionatisi in modo tale che, mentre uno faceva da “palo”, l’altro agiva indisturbato. E’ infatti stato proprio quest’ultimo a sfilare un cellulare dalla tasca di un turista, poi entrambi si sono dileguati velocemente. I poliziotti però  avevano osservato tutto l’accaduto, e li hanno bloccati nonostante i due ladri avessero tentato la fuga, opponendo anche resistenza all’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.