Anagrafe felina, Comazzi: “Strumento prezioso per contrastare il randagismo e monitorare le colonie”

Zampe di velluto

 “Chi mi conosce sa quanto abbia a cuore gli animali e il loro benessere. All’interno del Piano regionale della Sanità Pubblica Veterinaria approvato oggi dal Consiglio trova spazio una proposta alla quale credo molto, che prevede l’istituzione dell’anagrafe obbligatoria di tutti i gatti presenti in Lombardia a partire dal 1 gennaio 2020. Un provvedimento di assoluto buonsenso per il quale mi batto da anni e che porterà enormi vantaggi nella gestione dei felini lombardi” afferma Gianluca Comazzi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. “ L’anagrafe – prosegue – ci consentirà di tenere un registro aggiornato, con cifre precise e dati preziosi per monitorare la popolazione felina del nostro territorio. Grazie anche a strumenti come il microchip, sarà possibile contrastare in maniera importante il fenomeno del randagismo e degli abbandoni, oltre a garantire una più attenta sorveglianza delle tante colonie feline della Lombardia. Questa innovazione – conclude – è un passaggio importante in ambito di diritti degli animali, e per questo voglio ringraziare tutti i componenti dell’intergruppo consiliare sugli animali d’affezione e gli esponenti politici che hanno creduto in questa battaglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.