Rimake: “Abusivi festeggiano 5 anni di occupazione con cena multietnica per finanziare i clandestini”

Milano

“Per festeggiare i 5 anni di occupazioni abusive, prima nell’ex Bnl di via Astesani e da un anno all’ex liceo Omero di via Del Volga, gli antagonisti di Rimake daranno vita a una due giorni di festa senza ovviamente alcun permesso. Domani (oggi ndr) ci saranno una “parata festosa” e una cena solidale a base di cibi multietnici e al modico prezzo di 15 euro esentasse: i soldi raccolti verranno usati per finanziare i percorsi legali di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, la maggior parte dei quali come spesso accade saranno clandestini che non hanno nessun diritto a stare nel nostro paese. A seguire ci sarà pure un concerto musicale, mentre domenica toccherà al mercatino delle autoproduzioni, a un nuovo pranzo popolare e a un’assemblea – spiegano gli antagonisti – per fare dell’ex liceo Omero “un bene comune capace di rispondere alle necessità delle persone che vivono a Bruzzano”. Io sono stata all’interno del Rimake e posso garantire agli abusivi che ci vivono e ci fanno affari che il quartiere chiede ben altro rispetto a un buco nero di degrado e illegalità. Mi auguro che il Comune, almeno questa volta, intervenga e blocchi sul nascere la festa del centro sociale procedendo allo sgombero degli occupanti”. Così Silvia Sardone, consigliere comunale e candidata alle Europee con la Lega. “All’interno dell’ex Omero, durante il mio sopralluogo, ho trovato diverse famiglie rom rumeni con bambini al seguito che vivono in condizioni igienico-sanitarie pessime in mini-appartamenti con letti, tavoli da cucina, fornelli, bombole di gas, stufe; nell’altra ala dell’edificio, invece, gli antagonisti portano avanti la loro propaganda pro immigrazione organizzando assemblee e pranzi domenicali senza battere ovviamente mezzo scontrino. Perché – continua Silvia Sardone – loro possono fare quello che vogliono senza che il Comune dica nulla, mentre i commercianti regolari si vedono multati per ogni minima infrazione?”. “Sono da tempo in contatto coi cittadini di Bruzzano preoccupati e infastiditi da questa occupazione abusiva che dura ormai da fin troppo. Come Municipio 9 abbiamo più volte sollecitato il Comune per procedere allo sgombero, ma non si è ancora mosso nulla: capisco che per la sinistra gli antagonisti rappresentino un buon bacino elettorale, in tempo di crisi di consensi, però la sicurezza dei cittadini e il rispetto delle leggi devono venire prima di ogni cosa. La socialità del Comune di Milano non può essere rappresentata da questi gruppi di anarchici che si spacciano come dei Robin Hood dispensando servizi mensa o dormitori pubblici”, commenta Andrea Pellegrini, consigliere della Lega nel Municipio 9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.