Agguato e sparatoria in zona Porta Romana: regolamento di conti?

Cronaca

Sparatoria questa mattina a Milano, in zona Porta Romana. Un uomo di 46 anniè stato ferito alla testa da colpi di arma da fuoco mentre era a bordo della sua macchina in via Cadore. Trasportato d’urgenza al Policlinico, sarebbe in pericolo di vita.

Il ferito, che non aveva con sé i documenti, era in coda al semaforo di via Cadore, alla guida della sua Ford station wagon nera, senza accorgersi di due persone che lo seguivano a bordo di uno scooter, finché non lo hanno affiancato e uno dei due  ha sparato una raffica di colpi a distanza ravvicinata. Il killer ha chiaramente sparato per uccidere, dato che ha mirato alla testa, riuscendo a colpirlo due volte al volto. Una donna, prima che il sicario iniziasse a fare fuoco, l’ha sentito : «Sei pronto» all’indirizzo della sua vittima. Il 46enne, se pur in gravi condizioni, sembra non abbia perso conoscenza.

La vittima dell’agguato, Enzo Anghinelli, ha  diversi precedenti per droga ed è stato coinvolto in diverse indagini sul traffico della cocaina destinata al mondo della movida milanese. Sul posto è stata inviata la Squadra mobile. La dinamica sembra quella di un agguato ben studiato: secondo la ricostruzione due uomini si sono affiancati alla vettura in sella a uno scooter e hanno fatto fuoco mentre l’auto era ferma al semaforo in una strada stretta in cui non c’è spazio per il passaggio di un’altra vettura. Gli investigatori si stanno concentrando sulla vita del 46enne per capire quali possano essere i motivi dell’aggressione, ma la pista privilegiata è quella del regolamento di conti nel mondo dello spaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.