Imu e Tasi, un salasso del 125% negli ultimi sette anni

Economia e Diritto

Se confrontiamo i 4 miliardi di euro sborsati dai lombardi nel 2018, con la cifra di 1,7 miliardi del 2011 per la vecchia Ici, sembra impossibile. «Una patrimoniale a tutti gli effetti, la nuova tassa», commenta la Cgia di Mestre CARLO GUERRINI

La stima dell’importo pagato dai lombardi, nel 2018, per Imu e Tasi sugli immobili (considerate le detrazioni in essere) è di 3,996, per la precisione. Un incremento di 2,218 miliardi di euro (+125% circa, contro il+114%medio in Italia) se confrontato con quanto versato nel 2011 (pari a 1,778 miliardi di euro) ultimo in cui si applicò l’Ici. Considerando famiglie e imprese che, sempre riferito all’anno scorso a livello regionale, hanno avuto un esborso pro-capite di 398 euro, contro i 183 euro a testa del 2011, rilevano un aumento superiore al 117%. L’analisi viene delineata dall’Ufficio studi della Cgia (Associazione artigiani piccole imprese) di Mestre che elabora i dati del ministero dell’Economia e delle finanze, dell’Agenzia delle Entrate e dell’Istat. Si concretizza una sorta di «patrimoniale a tutti gli effetti – spiegala Cgia ad Avvenire: se da un lato ha alleggerito decisamente il portafoglio dei proprietari di immobili, dall’altro ha deprezzato pesantemente il valore di abitazioni, negozi e capannoni».

Certamente le altre regioni fanno decisamente peggio. In termini percentuali l’incremento maggiore del valore assoluto tra 2011 e 2018 si riscontra in Trentino Alto Adige (+185%), Molise (+161%) e Valle d’Aosta (+155). «Fino a qualche anno fa – sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia di Mestra, Paolo Zabeo – l’acquisto di una abitazione o di un immobile strumentale costituiva un investimento. Ora, in particolar modo chi possiede una seconda casa o un capannone, sta vivendo un incubo, con un carico fiscale da far tremare i polsi». “Il 2019 «sarà un anno difficile e di sfida, ma l’Italia può farcela se applicherà la ricetta perla crescita, ovvero meno spesa pubblica e meno tasse – aggiunge il segretario della Cgia di Mestre, Renato Mason ad Avvenire -. Per ammortizzare la frenata del Prodotto interno lordo bisogna assolutamente evitare l’aumento dell’Iva. Cittadini e imprese non possono più pagare il conto dell’incapacità politica di affrontare con decisione il tema della razionalizzazione delle uscite totali»

Milano Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.