Abusi su tre bambini, arrestato educatore parrocchiale nella zona Nord di Milano

Cronaca

E’ stato arrestato dalla polizia con la terribile accusa di aver abusato di tre bambini di 10, 11 e 12 anni, un pensionato 67enne che svolgeva le mansioni di educatore in una parrocchia della zona nord di Milano.

Il gip di Milano Guido Salvini ha emesso l’ordine di arresto a seguito delle indagini del procuratore aggiunto Letizia Mannella e del pm Michela Bordieri, condotte dagli agenti del commissariato Comasina.

Secondo le indagini, il 67enne, un operaio ormai in pensione, era da tempo frequentatore abituale della parrocchia dove si occupava come educatore soprattutto dei bambini della comunità cinese, molto numerosi nella zona. Per di più ultimamente tre famiglie gli affidavano ogni giorno i loro bambini che lui portava a scuola e riprendeva alla fine delle lezioni.

A dicembre però, dopo alcune riunioni di quartiere, la stessa comunità cinese aveva segnalato alle forze dell’ordine comportamenti anomali del pensionato, inoltre un’insegnante aveva riportato particolari confidenze che le aveva fatto uno dei bambini. A quel punto gli investigatori  avevano organizzato degli appostamenti, notando che alcuni bambini uscivano la mattina dalla sua abitazione, dopo avervi passato la notte.
Attraverso delle microcamere posizionate nella casa la polizia è così riuscita a documentare molestie e abusi perpetrati sui bambini, tanto che tre giorni fa si è arrivati all’arresto dell’uomo.

All’interno di un’indagine denominata ‘voxpopuli, vox dei’ gli investigatori stanno ora cercando di capire se l'”educatore” possa aver abusato in passato anche di altri minori. Il 67enne, che è stato interrogato ieri dal gip, avrebbe giustificato la sua condotta come manifestazioni di “affetto” per i bambini, che ora sono stati affidati ad una comunità protetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.