Ex liceo Omero: rom abusivi spalleggiati dai centri sociali tra degrado e illegalità

Milano

“Ho svolto un sopralluogo all’interno dell’ex liceo Omero di via del Volga 4, a Bruzzano, occupato abusivamente da fine maggio da parte del collettivo Ri-Make e in seguito da una decina di rom rumeni. Le aule dell’istituto sono state trasformate dai nomadi in veri e propri mini-appartamenti con letti, tavoli da cucina, fornelli, bombole di gas, stufe, panni a stendere. Gli antagonisti di Ri-Make, prima dell’ultimo sgombero dall’ex Bnl di via Astesani avevano pure incontrato lo staff del sindaco Sala per trovare una soluzione diversa, e in effetti alla fine hanno solo spostato residenza di qualche centinaio di metri. Senza che ovviamente dal Comune nessuno alzasse un dito per ripristinare la legalità. L’ennesima dimostrazione dell’impunità dei centri sociali”. Così Silvia Sardone, consigliere regionale e comunale del Gruppo Misto. “E’ scandaloso che un edificio pubblico venga lasciato in balìa di questi personaggi. I rom che vivono stabilmente nell’ex scuola mi hanno spiegato che non erano soddisfatti della vita nei campi nomadi e neanche di quella nei dormitori, così hanno preferito occupare questa enorme struttura. All’interno – continua Silvia Sardone – ho potuto constatare la presenza di bambole e passeggini che lasciavano intendere anche la presenza di alcuni bambini. Ogni porta di ogni “casa” è chiusa a chiave, tutto è molto organizzato. Nell’altra ala dell’edificio c’è invece il centro sociale vero e proprio, con tanto di “info point”, volantini e striscioni appesi alle finestre. Qui, con la scusa della solidarietà e dell’accoglienza, questi campioni delle occupazioni organizzano pure pranzi a 3 euro e somministrano alcolici a pagamento, oltre a incontri e mercatini. Mi piacerebbe capire perché loro possono fare quello che vogliono senza bisogno di mezzo permesso, mentre i commercianti regolari vengono multati per una fioriera fuori posto di due centimetri”. Chiude Sardone: “Mi auguro lo sgombero immediato e senza condizioni dell’immobile e tutte le necessarie verifiche sui rom abusivi. I bambini dovrebbero essere affidati ai servizi sociali anziché fatti vivere in queste condizioni. Sala, Scavuzzo e Majorino non facciano finta di non vedere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.