Via Antonello da Messina: due cespugli rappresentano la sporcizia dilagante di Milano

Milano

Spesso le cose marginali, i ritagli di una piazza sono indicativi di insensibilità, di indifferenza. In una Milano dove si ragiona a piani di ristrutturazione di ampio respiro, si dibatte per per enfatizzare lo smart, gli angoli, i crocevia sono ricettacolo di disordine e di sporcizia. Eppure ci presentiamo così, con una realtà che non rientra nei desideri di grandeur del sindaco, ma offre incuria e zero manutenzione.

Stiamo parlando di un’aiuola con cespuglio, involontariamente attrattivo per cartacce, lattine, sacchetti di patatine, bottigliette di vetro. La segnalazione è di Urbanfile “In via Antonello da Messina, all’angolo con piazzale Diego Velasquez e via Rembrandt, e a due passi dalla graziosa chiesa di Chiesa Santa Maria degli Angeli e S.Francesco, nel 2012, dopo la riqualificazione della via, venne creata una grande aiuola  di cespugli (probabilmente Agrifoglio del Giappone ) …Insomma, spesso ci troviamo a domandarci perché i giardinieri comunali si ostinino ad inserire cespugli in certi luoghi quando anche un semplice “prato” basterebbe per essere bello a vedersi.” E’ la domanda di buon senco del cittadino comune, meravigliato da tanta inciviltà e abbandono. Ma c’è di più: un passaggio nel cespuglio porta a un tombino che è diventata una latrina con le conseguenti puzze. Possibile che l’amministrazione non controlli? E’ questa la Milano che vuole la patente di città internazionale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.