Violenze contro una neonata perché ‘femmina’

Cronaca

Un 30enne afgano, è stato condannato dal gup di Milano Guido Salvini a 3 anni e 8 mesi di carcere con rito abbreviato. L’accusa era di  maltrattamenti, lesioni e violenza sessuale.

L’uomo prendeva a “a schiaffi” la figlioletta di poco più di un anno perché era nata di “sesso femminile e non maschile”, come lui avrebbe voluto. Inoltre la moglie, che lo aveva sposato in Pakistan quando lei aveva 15 anni, aveva dovuto sopportare violenze di ogni genere, compresi calci e pugni, era stata frustata con una cinghia e stuprata.

Dopo essere state sottratte alle sevizie dell’uomo, la donna e la figlia ora sono in una comunità.

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano.
C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.