Lodi – Ferri (Lega) non può essere volontaria: discriminata da Croce Rossa

Lombardia

Non facciamo distinzioni di partito, di idee, perché la volontà di condividere con gli altri la propria generosità non ha colore. Attiene ad una predisposizione e a un sentimento che non dovrebbe esseere giudicato. Ma il pensiero dominante che solo da una parte ci sia solidarietà è duro a morire.

Il fatto: la croce Rossa di Lodi ha rifiutato la partecipazione ad un corso di volontariato al consigliere comunale  della Lega Ferri.  L’assessore Fioroni chiarisce a Askanews “Trovo gravissimo quanto accaduto a Lodi al Consigliere comunale Eleonora Ferri mentre partecipava a un corso per volontari della Croce Rossa. Il fatto che qualcuno si sia permesso di affermare che chi è della Lega non possa partecipare a tali corsi e quindi non degno della CRI, è grave e assolutamente inaccettabile”. Così è intervenuto l’Assessore al Territorio e Protezione Civile Pietro Foroni riferendosi alle decisioni che hanno coinvolto una volontaria e Consigliere comunale della Croce Rossa locale.

“L’Assessorato regionale alla Protezione Civile, che ho l’onore di presiedere – ha continuato Foroni – collabora in maniera fattiva e concreta con la Croce Rossa Regionale a cui va tutto il mio ringraziamento per l’attività che svolge da sempre con competenza e professionalità, volontari eccezionali ed ammirevoli. Anche per questo chiedo che vengano presi i necessari provvedimenti affinché episodi simili non si ripetano mai più. Chi ha pronunciato quelle parole deve sapere che a livello regionale la Croce Rossa, con riferimento al suo fondamentale apporto al sistema di Protezione Civile, collabora con un Assessore orgogliosamente della Lega senza nessun tipo di problematica. Posso garantire – ha concluso – che la collaborazione a livello regionale proseguirà nell’interesse e a tutela di tutti i cittadini lombardi, anzi stiamo inoltre lavorando per un ruolo sempre più importante della Croce Rossa all’interno del sistema di Protezione Civile regionale. Sono convinto che quanto accaduto troverà le più opportune e adeguate risposte da parte della Croce Rossa Lombarda”.

Dove sono questa volta le femministe del PD per difendere una donna?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.