La campagna della Lega per le cinture posteriori

Cronaca

La campagna è partita su Facebook, in perfetto stile leghista. La gara di selfie serve a sottoporre all’attenzione dell’opinione pubblica un problema che secondo il consigliere di municipio 9 Andrea Locati è stato sottovalutato: le cinture di sicurezza posteriori. Anche se è obbligatorio in pochissimi rispettano la legge e non chiedono a amici e parenti di allacciarle. Eppure sarebbe un sistema di sicurezza che è stato anche promosso della campagna di sicurezza stradale “Edward” (A European Day Without a Road Death) promossa dal network europeo delle polizie stradali “Tispol”. Ma le abitudini sono dure a morire. Per questo il leghista Locati ha lanciato questa campagna a cui sono arrivate le prime adesioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.