Via Virgilio Ferrari / via Campazzino, troppi morti non si può più perdere tempo. Ma Granelli non risponde.

Milano

Milano 20 Giugno – Lo scorso giovedì 14 giugno, durante un Consiglio di Municipio Silvia Soresina, capogruppo di Forza Italia in Municipio 5, ha presentato una mozione finalizzata a richiedere interventi precisi e urgenti per ridurre la pericolosità del incrocio via Virgilio Ferrari con via Campazzino. L’ultimo incidente mortale due settimane fa, 3 solo nell’ultimo anno e, a detta di un cittadino intervenuto, 18 morti in tutti questi anni.

L’anno scorso il Municipio ha invitato l’Assessore Granelli a venire ed incontrare sul tema cittadini e consiglieri, invito al quale l’Assessore non ha mai risposto.

La consigliera Soresina, non volendo più perdere tempo ha richiesto due provvedimenti urgenti in merito:

La prima richiesta:

La Bretella Ferrari è una strada urbana di scorrimento che quindi può essere percorsa ad una velocità fino a 70 km orari. Il semaforo all’incrocio con Via Campazzino prevede la freccia luminosa di svolta a sinistra solo provenendo da fuori Milano (via Ripamonti) ma non in senso contrario. Infatti provenendo dal centro e volendo svoltare in via Campazzino, si è costretti a sostare al semaforo attendendo che in senso contrario non arrivi nessuno (da notare che dall’altra parte possono arrivare veicoli fino ai 70 km/h consentiti). Immaginiamo poi che quando il suddetto limite non venga rispettato, così come molti incidenti fanno registrare, risulti ancora più difficile accorgersi delle auto che provengono in senso contrario.

Questa richiesta è supportata anche dalla petizione dei cittadini che abitano in via campazzino e zone limitrofe e sembrerebbe che proprio l’ultimo incidente occorso si sarebbe potuto evitare con un simile provvedimento dal momento che un auto proveniente dal centro ha fatto un inversione ad “U” mentre una moto, il cui conducente è poi deceduto, proveniva in senso contrario.

Da notare che il motivo per cui la freccia lumionsa è presente in senso contrario è che erano state fatte rilevazioni alle 8 del mattino ed il traffico entrante era più elevato. Peccato che la sera il flusso è esattamente al contrario ed inoltre un noto locale in via Campazzino attira numerosi clienti.

Le domande sorgono spontanee: 1. ma le frecce sono contingentate o si utilizzano quando servono? 2. ma perchè due settimane fa sono stati sostituiti i semafori e non si è approfittato per fare questa modifica integrativa?

La seconda richiesta.

A novembre sono stati posizionati due autovelox uno in direzione centro e l’altro in direzione uscita da Milano. Suddetti autovelox sono stati posizionati lontani dall’incrocio pericoloso non coprendo ne’ l’incrocio pericoloso che l’imminente svincolo della Cormet attraverso il quale transiteranno mezzi pesanti sia in entrata che in uscita. La consigliera azzurra chiede anche qui all’Assessore Granelli un provvedimento che controlli la velocità di chi arriva all’incrocio e quindi che venga effettuato uno spostamento dei due autovelox – che auspicabilmente dovrebbero coprire i tratti più pericolosi della strada – in modo da coprire sia l’incrocio semaforico con via Campazzino che il futuro ingresso della Cormet che andra’ con ogni probabilità a complicare la mobilita’ di quella strada.

Un’altra domanda sorge spontanea:

La mozione non ha raggiunto il carattere di urgenza e quindi sia Soresina che i cittadini utilizzeranno tutti i mezzi a disposizione per trasferire il carattere d’urgenza dei provvedimenti segnalati all’Assessore competente Granelli ed al Sindaco.

Vogliamo più solerzia in chi governa, più preparazione, più ascolto e più attenzione alla sicurezza stradale dei cittadini.

Ossessione per le periferie: non pervenuta.

Vogliamo meno slogan e più fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.