G7, Gentiloni non sa interpretare il nuovo mondo

Politica

L’ultimo summit internazionale ha dimostrato una volta di più che Paolo Gentiloni appartiene a un’altra epoca. A proposito del G7 in Canada ha dichiarato “mi auguro che l’Italia faccia l’Italia, l’ultima cosa che possiamo permetterci è presentarsi come un’Italia che tradisce i suoi fondamenti, la sua politica estera e la sua vocazione internazionale. Faccia il presidente del Consiglio dell’Italia che abbiamo sempre avuto in questi decenni a livello internazionale. Se questo Governo pensa di rompere il nostro fondamentale delle alleanze si fa una cosa molto pericolosa”. Pensava di essere il saggio consigliere dell’Italia (vizietto dei nobili e ricchi italiani nei confronti di quelli che reputano inferiori), invece ha fatto una figura da pistola perché lo stesso Trump ha espresso la linea del governo Conte. Anzi, al solito è stato pure più estremista. Per lui la Russia deve rientrare nel G8, ed essendo lui il capo della Nato, è molto più atlantista  la linea Conte. Chissà se lo imparerà mai.

 

 

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.