Parla la Polizia locale: “Ci domandiamo: ma combattere l’ abusivismo è ancora una priorità per Sala?”

Milano

Milano 14 Maggio – Mentre  Roma  discute, Sagunto viene espugnata.

Parafrasando Tito Livio possiamo dire che l’odierna Sagunto è la nostra amata Città di Milano, preda di sbandati fuori controllo e abusivi impuniti.

Mentre il Sindaco filosofeggia e si interroga sull’ opportunità di approvare (in ritardo di un anno) il regolamento applicativo del daspo urbano, ecco che si consuma l’ ennesimo episodio di violenza ai danni di operatori di Polizia Locale, proprio in Piazza del Duomo.

Questa volta però pretendiamo che qualcuno si assuma la responsabilità morale di questa vicenda, e di seguito vi spieghiamo perché.

Ieri, (n.d.r. sabato) nel tardo pomeriggio un senegalese, noto alle forze dell’ ordine quale venditore abusivo, in compagnia di altri due suoi connazionali, inizia a mimare gestacci verso due agenti di polizia locale; in conseguenza di ciò i due operatori si avvicinano e procedono alla richiesta di documenti che l’abusivo rifiuta. Dopodiché il senegalese inizia a spintonare gli agenti, che a questo punto provano a fermarlo. In ausilio dell’abusivo accorrevano non solo i suoi due connazionali, ma anche un’altra quindicina di venditori irregolari che si aggirano quotidianamente per Piazza Duomo. Numerose pattuglie in emergenza si portavano sul posto per aiutare i colleghi assaliti; l’aggressore viene arrestato e i due agenti finiscono in ospedale. A quest’ultimi il DiCCAP/Sulpm, nell’esprimere la propria solidarietà per quanto subito, augura una pronta guarigione.

Quei venditori abusivi non si dovevano trovare lì!

Non solo, ma si sono registrati episodi di cronaca ripresi dalla stampa in cui alcuni illegali, con la scusa di vendere un braccialetto, hanno circondato e rapinato diversi turisti. Gli abusivi vanno allontanati!

L’abusivismo, l’illegalità, il degrado si possono combattere, ma chi ha il compito di dare gli strumenti alle forze dell’ ordine per farlo, si assuma la responsabilità per i sui ritardi.

Il Decreto Legge Minniti sul daspo urbano è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale a Febbraio 2017 e legge di conversione ad aprile 2017: perché il Comune di Milano dopo un anno non ha ancora modificato il regolamento di polizia urbana per renderlo pienamente applicabile?

A livello pratico, il trattamento sanzionatorio cambierebbe non poco.

Ad oggi i venditori non autorizzati vengono multati con una sanzione amministrativa di 3000 euro che, nel caso in cui fossero nullatenenti, non pagheranno mai. Ci sono decine di commercianti abusivi che accumulano sanzioni per migliaia di euro, ben sapendo che mai potranno pagarle.

Con il daspo urbano, una reiterazione di violazioni e di ordini di allontanamento irrogati direttamente dagli organi di polizia, potrebbe portare ad un provvedimento del Questore con un divieto di ingresso in tutto o in parte della Città fino a sei mesi e che, se violato, comporterebbe una denuncia penale.

Insomma, uno strumento in più rispetto ad un verbale amministrativo che quasi sempre finisce nel cestino!!.

Abbiamo letto le dichiarazioni del Sindaco, che ci hanno lasciato a bocca aperta, vorremmo anche sentire cosa ne pensa in merito il Comandante Ciacci.

Ma soprattutto, vorremmo domandare al Comandante come intende rafforzare il personale impiegato in questa impari lotta.

Legittimamente ci domandiamo: ma combattere l’abusivismo è ancora una priorità dell’ Amministrazione Sala?

Il Segretario DiCCAP/Sulpm di Milano Città

Daniele VINCINI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.