Certificazione energetica Milano: perchè diffidare delle offerte lowcost

Economia e Diritto

Milano 24 Aprile – L’attestato di prestazione energetica è un documento che attesta il consumo energetico medio di un’abitazione secondo una formula Kwh/mq2 per anno. Le classi sono 10, indicate da lettere: dalla G, la classe più bassa, all’A+.

Se avete in piano di vendere o affittare un immobile, a Milano o provincia, è indispensabile per voi rivolgervi ad una società affidabile per ottenere una certificazione energetica a Milano senza sorprese.

Non sottovalutate la professionalità di chi offre questi servizi: l’attestato di prestazione energetica ha importanza capitale, in quanto una panoramica sui consumi permette di pianificare eventuali migliorie e ristrutturazioni. Inoltre è obbligatoria per legge per chiunque debba vendere o affittare un appartamento.

Perchè diffidare delle certificazioni lowcost

A seguito del boom di offerte per APE online che millantavano servizi a prezzi stracciati, senza necessità di effettuare un sopralluogo, nel 2015 la Regione Lombardia ha effettuato una netta implementazione della normativa vigente che ora prevede controlli più serrati per tutti gli operatori del settore.

L’articolo 4 comma 6 definisce i parametri che un certificatore energetico deve rispettare per operare in maniera ottimale. A questo proposito è previsto almeno un sopralluogo che comprende: studio dell’edificio, delle planimetrie, degli eventuali interventi di ristrutturazione, monitoraggio degli impianti, infissi ecc…

Grazie ai cambiamenti riportati nella normativa, finalmente il sopralluogo è diventato obbligatorio. Al contrario di quanto si potrebbe pensare, non si tratta di un costo ulteriore per l’utente ma di una tutela imprescindibile, in quanto certificazioni che non rispettano questo step non sono altro che valutazioni sommarie e imprecise. Soprattutto in caso di locazione o di vendita di un appartamento, se all’abitazione dovesse essere assegnata una classe inferiore a quella reale, l’immobile perderebbe di valore sul mercato.

Ma perchè diffidare dalle certificazioni energetiche lowcost? Proviamo a rispondere con una metafora…al pari del corpo umano, anche un’abitazione necessita di cure e interventi per garantire buone prestazioni e preservarne lo stato. È evidente che nessuno si affiderebbe ai consigli di un medico online, senza pretendere una visita.

Inoltre, in base alle nuove linee guida della Regione Lombardia, il mancato rispetto degli standard qualitativi da parte dei certificatori o dell’attestato di certificazione in caso di affitto o vendita, comporta sanzioni che oscilano tra i 1000 e i 18000 euro.

A chi rivolgersi per una certificazione energetica seria

Se abitate a Milano, Monza e provincia, rivolgetevi ad una società seria per la vostra certificazione energetica Milano. Tra le varie possibilità, ACE Consulting è leader nel settore: la sua fama è dovuta a tariffari trasparenti e ad un servizio celere che implica un sopralluogo entro 72 ore dalla chiamata.

La certificazione energetica non prevede semplicemente la compilazione di una scheda standard ma comporta una vera e propria diagnosi dello stato di un appartamento che consente di pianificare interventi per valorizzarlo al meglio.

In un tempo in cui global warming e bollette di fuoco sono in costante aumento, impegnarsi per diminuire i consumi è, oltre che un incredibile vantaggio economico, una necessità per il pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.