Il referendum sui Navigli, un diversivo per coprire il nulla

Fabrizio c'è Milano
Milano 22 Giugno – In assenza di qualcosa di concreto da presentare, Beppe Sala sceglie il giorno in cui fa un anno da Sindaco per rilanciare: faremo  un referendum e poi riapriremo il Naviglio.
Pare veramente fumo negli occhi. Un modo per coprire il nulla fatto e un modo per risvegliare un entusiasmo che non c’è mai stato attorno a lui, nemmeno da chi votava a sinistra.
Innanzitutto va ricordato che un referendum per riaprire il naviglio c’è stato nel 2011. Peccato che il suo predecessore Pisapia e lui stesso non abbiano mosso un dito per 6 anni.
Poi ci sono tante domande da porsi: come farà un’amministrazione che è in ritardo sulla Linea 4 e su ogni altra opera pubblica (pensiamo al Palalido) ad avventurarsi in un’opera faraonica come la riapertura? Un Comune che non riesce a tappare le buche delle strade e a liberare i tombini, in quanti secoli potrà realizzare una così complessa opera idraulica ? Dove si troveranno i tanti soldi necessari, visto che ancora bisogna trovare quelli per le periferie, le case popolari o per l’area Expo?
Questo dei Navigli appare proprio un modo per distrarre il popolo. Non è in assoluto una brutta idea, ma affiniamo i progetti, individuiamo un metodo modulare e soprattutto evitiamo studiamo bene le soluzioni viabilistiche.
Ad affidare a Sala e Granelli opere di questo genere c’e’ il rischio di non vedere mai  il  Naviglio riaperto ma di rimanere intrappolati nel caos del traffico generato da dilettanti allo sbaraglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.