Al via la 48esima edizione di Art Basel, presenti 34 paesi

Cultura e spettacolo

La manifestazione, tra le fiere più importanti di arte moderna e contemporanea, presenta 291 gallerie di 34 Paesi che propongono le opere di oltre 4000 artisti, tra dipinti, disegni, sculture, installazioni, fotografie, film e video

Milano 14 Giugno – Si svolge da giovedì 15 a domenica 18 giugno la 48esima edizione di Art Basel. Con le sue 291 gallerie di 34 Paesi che propongono le opere di oltre 4000 artisti, tra dipinti, disegni, sculture, installazioni, fotografie, film e video, la manifestazione mantiene il suo primato tra le maggiori fiere d’arte moderna e contemporanea, non solo dal punto di vista del mercato dell’arte, ma anche della ricerca artistica.

Intorno alla kermesse, diretta da Marc Spiegler, che ha detto di aspettarsi anche quest’anno una forte affluenza di pubblico, orbitano anche una serie di fiere satellite: Liste, Scope, Volta 13, Photo Basel, Design Miami-Basel, Miami Beach, Hong Kong e Art Basel Cities con Buenos Aires.

L’edizione 2017 della fiera renana resta perlopiù impostata come le precedenti edizioni, presentando quindi la main section Galleries, la sezione Statements, con progetti individuali di artisti emergenti e Features con progetti di artisti storicizzati.

La sezione più spettacolare è Film, Unlimited, dedicata a installazioni in formato gigante. ConversationsMesseplatz project Parcours, prevedono invece interventi site-specific e performances in ambito cittadino.

Ad Art Basel è presente anche l’Italia, 15 le gallerie partecipanti nella sezione Galleries. Si tratta di: Alfonso Artiaco, Galleria Continua, Massimo De Carlo, Galleria dello Scudo, A arte Invernizzi, kaufmann repetto, Lia Rumma, Magazzino, Gió Marconi, Galleria Massimo Minini, Galleria Franco Noero, Galleria Christian Stein, Galleria Tega, Tornabuoni Art, Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, ZERO.  Mentre Galleria Raffaella Cortese, Mazzoleni, P420, Studio Trisorio, Vistamare sono inserite nella sezione Features.

Non sarà necessario invece pagare  i 60 franchi di entrata, per vedere la più grande opera di Art Basel, dal titolo ”NOW I WON” di Claudia Comte. L’installazione, lunga una sessantina di metri e in forma di parco divertimenti, è infatti posta sulla Messeplatz, davanti alla fiera basilese. Si tratta di sette stand con vari giochi al prezzo forfettario di 3 franchi. Gli utili saranno versati a Pro Natura.

(ARTEMAGAZINE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.