Tre netturbini sospesi dal lavoro perché al bar durante il servizio

Cronaca

Milano 6 Aprile –  Si fermavano al bar ben oltre il tempo consentito, per leggere il giornale, giocare alle slot machine o controllare i numeri del Lotto. Le loro pause di lavoro arrivavano a durare anche 36 minuti, contro i 10 previsti dal contratto. Poi, per portare a termine le mansioni, chiedevano gli straordinari. Tre operatori ecologici di «Aemme Linea Ambiente», società partecipata a maggioranza dal Comune di Legnano che si occupa di raccolta rifiuti e pulizia delle strade in città e in alcuni comuni limitrofi, sono stati sospesi dal lavoro per 10 giorni. E per altri otto netturbini è scattato il provvedimento disciplinare. In totale, gli undici dipendenti avevano totalizzato 1875 minuti di straordinario contro i 1200 stimati dall’azienda come necessari per le stesse mansioni. L’indagine da parte dell’azienda è cominciata il 13 febbraio, dopo numerose segnalazioni da parte dei residenti, ma anche di alcuni amministratori comunali e delle polizie locali, insospettiti dal comportamento di un gruppo di operatori ecologici – sempre gli stessi -che si fermavano nei bar della zona con indosso la divisa e, invece di trattenersi solo per un caffè, passavano una media di 29 minuti seduti ai tavoli o a giocare alle slot. Non era difficile riconoscerli: indossavano una vistosa divisa arancione e gli automezzi per la raccolta dei rifiuti erano parcheggiati a poca distanza. Le indagini «La giornata di lavoro dura 6 ore e venti minuti e prevede da contratto una pausa di 10 minuti ha precisato l’azienda – Qualche minuto di tolleranza c’è sempre, ma in questi casi il comportamento era reiterato». Per verificare le segnalazioni, Aemme si è affidata a un servizio di investigazioni private e le indagini sono durate fino al 3 marzo. Ciò ha permesso la raccolta di materiale fotografico e filmati inequivocabili, che ritraevano gli operatori al bar. Uno di loro, in un totale di 10 controlli, aveva raggiunto 291 minuti di pausa, 191 in più rispetto a quelli che gli spettavano per contratto e poi aveva poi richiesto 450 minuti di straordinario, proprio come aveva fatto un altro collega. Alla conclusione dell’indagine, l’azienda ha esaminato tutte le posizioni e ha aperto i procedimenti disciplinari. Per tre casi più gravi si è arrivata alla sospensione, che ora si è conclusa e i netturbini sono tornati al lavoro. In un primo momento, la direzione propendeva per il licenziamento dei dipendenti «infedeli». Questi ultimi, però, hanno ammesso le proprie responsabilità e l’Aemme ha scelto la linea morbida, «dopo una riflessione su cosa avrebbe potuto significare per loro la perdita del posto di lavoro in questo momento storico». (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.