Le social street chiedono informazioni, il Comune gli propone l’Albo

Fabrizio c'è Milano
Milano 14 Marzo – Nei giorni scorsi il Comune di Milano ha pubblicato un bando per costituire un albo delle Social street.
Si tratta di una contraddizione in termini! Le Social street sono gruppi nati spontaneamente in rete, fluidi nella gestione e informali al massimo nella loro costituzione.
Solo chi ha una mentalità ottusamente burocratica poteva pensare di regolamentarle con un albo, di irrigimentarle con codicilli in cambio di lontane promesse di assistenza e sostegno pubblico.
Con un simile approccio comunità libere, spontanee e apartitiche perderebbero la loro caratteristica libertà e creatività.
Ai gestori delle Social street interessava collaborare col Comune per dare velocemente risposte concrete ai bisogni dei residenti. Al Comune invece pensavano alle Social street come un nuovo strumento di propaganda e assistenzialismo.
Anche se in salsa digital o social sempre l’idea di controllare ed educare i milanesi gli gira per la testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.