Presepi in Lombardia, un mese di eventi tra arte e fede

Lombardia

Milano 11 Dicembre – Saranno la forza della tradizione, il desiderio di ritrovare nei vecchi rituali il gradevole senso di continuità con l’infanzia, le atmosfere famigliari, la magia del 25 dicembre.Tant’è. Resiste al tempo e alla globalizzazione il presepe, con statuine e decori di un emblema del Natale che la leggenda ha affidato a un’intuizione di San Francesco d’Assisi e la storia ha saldato nell’abilità artigianale delle scuole napoletana e lombarda. Forse meno casalingo e più collettivo e scenografico. E così, in Lombardia e nelle regioni vicine, è un boom di allestimenti ispirati alla più amata e popolare delle feste di fine anno.

 VALSERIANA – È considerato il presepe più scenografico sulle montagne lombarde. E questo spiega il successo della rassegna natalizia che a Castione della Presolana richiama ogni anno migliaia di persone, fra casette in legno, laboratori, degustazioni, concerti e antichi mestieri. Andrà in scena oggi e domani ma anche il 17 e 18 dicembre. Nella Capanna della Natività, gli artigiani si esibiranno nella lavorazione di legni, pietre, paglia, metalli e lana. In località Rusio,Mostra di presepi provenienti da collezioni private.

VALLE DEL CHIESE – C’è una tradizionale emigrazione degli appassionati di presepi verso questa zona del Trentino a ridosso della Lombardia. Motivo: la trasformazione del borgo di Quartinago, a Cimego, in un palcoscenico natalizio, con i mercatini che prendono posto in cortili, androni e fienili. La rassegna verrà proposta oggi e domani, ma anche il 17 e 18 e il 26 e 31 dicembre, quindi il 6, 7 e 8 gennaio. Momento clou, il presepe vivente di Brione, con 150 figuranti.

LONATO DEL GARDA – Fino al 6 gennaio «Presepi per le vie del Centro», esposizione di Natività nelle vetrine dei negozi e sulle finestre delle abitazioni. Oggi e domani, in via Ugo da Como e in piazza Matteotti, bancarelle e stand di associazioni, laboratori, cori di voci bianche (oggi alle 16) e tradizionale «Gioco della pentolaccia».

VALTELLINA e VALCHIAVENNA – Casette in legno e bancarelle a Livigno (oggi e domani in piazza della Chiesa Santa Maria) e Bormio(domani in piazza del Kuerc). Domani a Tirano, gli attori del Silence Teatro sorvoleranno piazza Marinoni sotto forma di angeli. Domenica, a Sondalo, percorsi itineranti e degustazione di cioccolata calda. Ma tra oggi e domani sarà Albosaggia a finire sotto i riflettori: corti e viuzze attorno al castello Paribelli ospiteranno bancarelle, giocolieri, zampognari, cori Gospel e alpaca dell’agriturismo «La bella vita» di Piateda.

PIZZIGHETTONE – Torna la rassegna all’interno delle Casematte delle Mura di piazza d’Armi, con circa 3mila pezzi che evocano l’evoluzione delle attività lavorative nel Cremonese: 40 le Natività rappresentate, alcune ricavate in botti, tronchi e carriole (esposizione aperta fino al 22 gennaio). Domani, mercatini natalizi anche a Soncino, tra visite al borgo e cene ispirate al Medioevo e al Rinascimento nell’ex convento di Santa Maria delle Grazie.

GARDALAND – A due giorni dalla sua inaugurazione, il Gardaland Magic Winter è la grande attrazione del momento, in un parco divertimenti che ha assunto un look natalizio e agli ospiti propone creazioni scenografiche e una spettacolare e soffice nevicata, tra marionette, truccatrici e danze con Prezzemolo. Ingresso ridotto per gli ospiti che si presentano vestiti da Babbo Natale.

VIGEVANO – Il top per i fanatici dei selfie: uno scatto con Babbo Natale sullo sfondo della Torre del Bramante e di Piazza Ducale. Giornate clou, domani e il 18 e 24/12, con il mercatino natalizio sulla piazza, la Mostra dei Presepi nella Strada Sotterranea del Castello, la Casa di Babbo Natale nella seconda scuderia e il Festival delle Birre di Natale (16-18/12) nella Cavallerizza.

SANTA LUCIA – Oggi, domani e lunedì a Crema sarà la devozione ma anche la Fiera dedicata a Santa Lucia a richiamare la gente tra piazza Duomo e le vie XX Settembre e via Manzoni. Lunedì,a Spino d’Adda, la santa verrà portata per le strade del paese dalle 19,45, con partenza dall’oratorio femminile.

Paolo Galliani (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.