Municipio 4: vetrine dipinte dai giovani artisti, aiuto alla vita e stop alle persecuzioni islamiche

Milano

Il Municipio 4 si schiera contro la violenza sulle donne

Milano 22 Novembre – Quest’anno il Municipio 4 di Milano ha deciso di unirsi al Liceo Artistico Statale di Brera, nel progetto #ArteBreraperilNOallaviolenza in concomitanza alla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” per sensibilizzare i milanesi attraverso la creazione da parte degli studenti di opere che verranno esposte sia nell’Aula consiliare di via Oglio, sia presso l’istituto di via Hajech. Inoltre è previsto un accordo con diversi esercizi commerciali della zona, oltre 20, attraverso il quale gli studenti stessi inviteranno i cittadini a toccare con mano il problema della violenza di genere  anche attraverso delle frasi significative che da loro verranno dipinte sulle vetrine dei tanti commercianti che aderiscono all’iniziativa.

GLI OBIETTIVI – che si intendono perseguire sono sensibilizzare e coinvolgere tutta la popolazione su un tema così delicato per permettere di diffondere il coraggio di contrastare e prevenire la violenza  anche attraverso un linguaggio diverso come l’arte.

Le frasi e le opere rimarranno esposte per una settimana circa.

IL CONVEGNO – sempre in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, verrà realizzato un Convegno dal tema “La non violenza, possibile realtà o utopia?” , che si terrà martedì 22 novembre presso l’Aula consiliare via Oglio 18 alle ore 18.30. Ospiti e relatrici saranno il team al completo del CAV (Centro Aiuto alla Vita) dell’Ospedale Buzzi (dottorese: Paola Persico, Rossella Prandi, Nadia Muscialini, Franca Zarini, Greta De Luca) insieme al contributo di Dounia Ettaib, Presidente DARI (Donne Arabe in Italia). Nel corso dell’incontro, verranno affrontate tematiche riguardanti la violenza che subisce una donna nelle varie fasi della sua vita tra cui la gravidanza.

PENSANDO AD ASIA – A seguire verrà proiettato un documentario che sta facendo il giro del mondo e che ha fatto scalpore, la storia di Asia Bibi, una donna pakistana di religione cristiana, accusata ingiustamente di blasfemia, picchiata e’ rinchiusa in carcere dal 2009. E’ prevista la partecipazione del noto regista Carlo Infanti, autore della pellicola. Al termine della serata, sarà possibile condividere l’appello affinché le autorità nazionali e internazionali assumano urgentemente iniziative atte a favorire la liberazione della donna, nonché tutelino le minoranze religiose in tutti i Paesi dove vengono perseguitate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.