Milano: dall’inizio del mese 23 arresti dei Carabinieri per evasione dai domiciliari

Cronaca

Milano 20 Agosto – Voglia di libertà e aria di vacanza anche per i malfattori sottoposti ai domiciliari: dall’inizio del mese di agosto i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno tratto in arresto 23 persone per evasione. Di queste, 16 sono state sorprese in flagranza di reato mentre 7 sono finite in carcere in esecuzione di provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, emessi a seguito della violazione delle prescrizioni imposte, riscontrate dai Carabinieri preposti ai controlli.

In particolare, nel capoluogo, è del 13 agosto l’arresto di un 35enne rumeno sorpreso nel pomeriggio dai Carabinieri della Stazione Milano – Gratosoglio, liberi dal servizio, mentre faceva ingresso in una sala bingo di via Washington. Nella stessa serata, un 43enne filippino è stato beccato in corso Como dai Carabinieri della Compagnia Milano-Duomo durante un servizio di controllo coordinato delle zone della movida. Il giorno successivo, i militari della Stazione Milano – San Cristoforo, durante un servizio di pattuglia, hanno bloccato un detenuto 66enne loro noto, riconosciuto alla guida di un’auto per le strade del quartiere “Barona”.

A Cesano Maderno (MB) è finito invece in manette un 55enne italiano che, nel cuore della notte, aveva lasciato la propria abitazione per recarsi a Seregno (MB) e mettere a segno un furto in un bar. Scoperto dal proprietario, si era dato alla fuga a piedi con alcuni gelati e bottiglie di birra, dopo aver abbandonato in strada una cassetta di sicurezza che gli rallentava la fuga. Riconosciuto dalla descrizione fornita dalla vittima, è stato sorpreso mentre, trafelato, rientrava a casa.

L’ultimo arresto in ordine cronologico risale a ieri mattina ad Opera (MI), poco prima delle 7, quando un Carabiniere della locale Stazione, poco prima di intraprendere il servizio, si è fermato ad un bar per consumare la colazione, riconoscendo al bancone un 33enne cinese, sottoposto ai domiciliari, anch’egli intento a bere un caffè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.