Intesa G20: uniti nella lotta contro l’Isis e stop ai foreign fighters

Notizie in evidenza

Milano 16 Novembre – “Condanniamo con forza gli attacchi terroristici a Parigi ed Ankara: sono un inaccettabile affronto contro a tutta l’umanità”. E’ quanto si legge nella bozza della dichiarazione finale del G20 sul terrorismo.

“Siamo uniti nella lotta al terrorismo” che non può essere “giustificato in nessuna forma”, prosegue la bozza sottolineando che si tratta della principale “priorità per tutti i paesi” da affrontare “insieme, con un lavoro comune” in stretto accordo con il ruolo centrale delle Nazioni Unite e le sue leggi su diritti umani e rifugiati. Il contrasto al terrorismo deve continuare “a far parte di un approccio complessivo”, finalizzato anche alle ragioni strutturali del fenomeno.

“La lotta al terrorismo è la maggiore priorità per tutti i nostri Paesi e noi ribadiamo la nostra determinazione a lavorare insieme per prevenire e sopprimere gli atti terroristici e a incrementare la solidarietà internazionale e la cooperazione, nel pieno riconoscimento del ruolo centrale delle Nazioni unite” “I continui e recenti attacchi terroristici in tutto il mondo hanno mostrato ancora una volta la necessità di aumentare la cooperazione internazionale e la solidarietà per la lotta al terrorismo. Ricorderemo per sempre le vittime di questi attacchi”.

“Rimaniamo impegnati a fronteggiare i canali di finanziamento del terrorismo, in particolare implementando la cooperazione e lo scambio di informazioni e il congelamento degli asset del terrorismo e di finanziamento alla criminalità”. E’ quanto si legge nella bozza della Dichiarazione finale del G20 sul terrorismo in cui si parla anche di “sanzioni finanziarie ai regimi collegati al terrorismo o che finanziano i terroristi”.

Tra tra le altre cose, nel documento si prevede l’impegno per bloccare “il flusso di foreign fighter” con un aumento “della cooperazione e lo sviluppo di rilevanti misure per prevenire e combattere questo fenomeno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.