Attorno al parco Lambro il sudario dell’indifferenza di Pisapia

Milano

Milano 12 Novembre – E’ un autunno che non dovrebbe finire mai. E nel parco di Lambrate riesce a dare il suo meglio. Tristemente, questo fa risaltare i problemi che la Giunta ed il suo Sindaco hanno pazientemente curato, facendoli crescere. Questo viaggio nel cuore di Cimiano e Crescenzago parte da un sottopassaggio. Un cunicolo buio, maleodorante e vagamente inquietante persino di giorno, che di notte diventa un passaggio Infernale. A farmi da Virgilio Vittorio Cavenaghi, militante di Forza Italia e Presidente del Cittadino di via Casoretto. Un cittadino che alle prossime elezioni vorrebbe rappresentare le esigenze del proprio quartiere. Osservo perplesso il sottopassaggio e chiedo:

Non ci sono proprio altre vie d’uscita da questo lato di Crescenzago? Qualcosa di meno pericoloso e claustrofobico per esempio!

 Non a piedi e non vicinanze. Aggiungici che la zona è drammaticamente priva di servizi, dalle scuole dell’infanzia agli uffici postali e vedrai che è un punto di passaggio obbligato. Ma di notte, senza che nessuno possa vederti o sentirti se urli, è un’esperienza che non si augura a nessuno. Ci vorrebbero delle telecamere. Ma presidiate, con qualcuno che le guardi. Sennò hanno lo stesso valore degli spaventapasseri, ma costano assai di più…

Mentre torniamo indietro, si ferma un attimo e guarda in alto. Un aereo ci sorvola pigramente. E’ davvero grande.

Senti, ma è normale? Io vivo dall’altra parte di via Palmanova ed ogni tanto me lo domando.

No, scherzi. E’ solo provvisorio. Circa tre mesi. Solo che sono i tre mesi che ci hanno fatto finire nei Guinness dei Primati. Sono i tre mesi più lunghi della storia. Sono anni che hanno dirottato gli aerei su questa zona. La chiamano Radiale 330. E’ una piccola tangenziale dove ogni giorno passano l’equivalente di 6400 macchine. Un aerosol continuo. Ed un continuo invito alla preghiera. Dovesse succedere qualcosa di davvero grave ad un aereo qui sarebbe una strage.roulottes rom

Risaliamo in macchina e facciamo un giro. Al parcheggio della Rizzoli vediamo ancora, sempre e senza mai alcuna variazione delle roulotte di Rom. Ma non possiamo pretendere che il Corriere ne scriva. Dovrebbero affacciarsi alla finestra. Mentre per leggere le veline di Palazzo Chigi sul tema basta star seduti comodi… Arriviamo al Parco Lambro. Un gioiello.

Beh pensavo peggio la situazione qui…

Solo perchè è Mercoledì, il problema è il week end, quando questa diventa terra di nessuno, salvo che dei Sudamericani, che riescono ad entrare persino con i furgoncini.

Ma com’è possibile? Qui c’è pure una colonnina con due blocchi!

Ho personalmente fatto la prova. Basta suonare presso la struttura di Don Mazzi o Don Colmegna, dire che si è dei disabili, e ti viene aperto. Sempre. Ovviamente è un sistema ridicolo. Ed il risultato è sotto gli occhi di tutti quelli che passano di qua il Lunedì mattina.

Risaliamo in macchina, mi manca ancora una chiusa efficace. Vittorio mi soccorre.

Abbiamo qualcosa con cui chiudere? Un progetto, una nota di speranza?

 Beh, qualcosa ci sarebbe. (Intanto passiamo davanti al posto dove si registra X Factor. Possiamo farlo solo perchè non registrano. Altrimenti chiudono la strada. Con tanti auguri ai residenti, chiusi fuori di casa e costretti a  giri assurdi per arrivarci).

Tipo?

 Al Cimitero di Lambrate c’è una sola entrata. E chi ha i propri cari dall’altra parte… beh in molti sono anziani. Non ce la fanno fisicamente a arrivare, saranno due kilometri a piedi. Essendo anziani si muovono con l’abbonamento ai mezzi. Perchè non mettere un pollicino? Non sarà una battaglia da migliaia di voti, ma io ho la mamma là. E so cosa vuol dire fare quella strada tutti gli anni e vedere gli anziani stanchi arrancare. Non mi pare giusto. Non mi pare umano.

Mi sarei aspettato qualcosa sulla Mosce di via Esterle, alla quale mi pare comunque estremamente contrario. Ma il tocco di umanità mi ha sorpreso. Sapere che di lavoro fa il vigilante e sorveglia anche dove vivo io mi ha fatto sentire di colpo più sicuro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.