La tua voce: Parco della Martesana, una discarica a cielo aperto

La voce dei lettori Milano

Milano 18 Settembre

Buonasera.
Vi scrivo nella speranza che non cessiate di occuparvi dell’abbandono e del degrado del Parco della Martesana e dei quartieri limitrofi ( Crescenzago, Gorla e Turro ) in modo da sensibilizzare le istituzioni e le autorità competenti in materia di decoro e di sicurezza pubblica.
Il Parco della Martesana, soprattutto in primavera ed estate, come immaginabile, è luogo di pic nic e feste.
Tutto consentito, tutto perfettamente legale e pienamente comprensibile (i parchi vanno vissuti) se non fosse che dopo questi pic nic e queste feste, l’impressione che si ha è di cassonetti dell’immondizia esplosi dappertutto.
Discarica a cielo aperto.
Nel we, in particolare, la situazione diventa insostenibile.
Non si tratta di qualche rifiuto lasciato qua e là che, seppur biasimabile, è fisiologico e fa parte della totale mancanza di senso civico di molti di noi.
Si tratta di trovare a terra di tutto, senza alcuna forma di rispetto per tutti coloro che frequentano il parco o la ciclovia.
Alcuni rifiuti abbandonati, ad esempio le bottiglie di vetro, sono anche pericolosi, soprattutto per i bambini che ci giocano. bottiglie nel parco
L’anfiteatro è invaso da bottiglie o da cocci di vetro e la parte sovrastante, che dicono dal Comune essere inaccessibile all’AMSA perchè di proprietà privata, è piena di rifiuti di ogni genere.
Non parliamo poi dei rifiuti indifferenziati lasciati lungo alcune strade diventate a tutti gli effetti discariche abusive (ad es. via Val di Non, via Del Ricordo, via Notaris in zona Gorla/Crescenzago e via Iesi in zona Turro) e a fianco dei bidoni.
Se percorrete ora, 17/09/2015, via Del Ricordo e via Notaris troverete due enormi discariche abusive proprio sui marciapiedi e in strada.
Diversi WC, una vasca da bagno, armadi, vestiti.
La discarica in via Del Ricordo è oramai consolidata da mesi, quella in via Notaris è di nuova costituzione.
La zona è sporchissima.
Abbandonata a se stessa.
Il quartiere sta vivendo un momento di grande disagio.
L’AMSA compie a tutti gli effetti il proprio dovere con frequenti passaggi in zona.
I marciapiedi vengono lavati, la differenziata raccolta e i bidoni svuotati.
Il servizio AMSA è efficiente.
Se si fanno le segnalazioni, inoltre, l’AMSA interviene immediatamente.
Tuttavia nei luoghi oramai ” adibiti ” a discariche, non appena l’intervento dell’AMSA si esaurisce, tempo 1 giorno, e di nuovo rifiuti di ogni genere.
Il problema è a monte e sta nel fatto che non vi è alcuna vigilanza per un controllo preventivo e sanzionatorio.
Ho denunciato (con tanto di foto) più e più volte al Sindaco Pisapia, all’Assessore Maran, al consiglio di zona 2 (il Presidente Villa ha ammesso il degrado della zona spesso oggetto di delibere), ai vigili la situzione ma, purtroppo, questa invece che migliorare, peggiora di giorno in giorno.
Chiedo quindi che almeno voi non smettiate di evidenziare una situazione che per i residenti sta diventando sempre più faticosa da tollerare.
Grazie.
Cordialmente,

Elisa 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.