“Dietro la movida selvaggia interessi colossali”, parla il Presidente nazionale “No Degrado”

Milano
Milano 14 Settembre – Dietro al fenomeno “movida selvaggia” si muovono interessi colossali: le multinazionali della birra e dell’alcol e quelle della droga rappresentano i pilastri di questo meccanismo che, prima della sua degenerazione, era quanto di più logico e normale si possa immaginare. Uscire la sera, andare a bersi un bicchiere o due con gli amici, distrarsi e rilassarsi sono attività che da sempre “alleggeriscono” le nostre vite spesso stressanti a causa del lavoro e di mille impegni e/o preoccupazioni. 
movida selvaggia1In Italia, da anni ormai, il fenomeno è degenerato lasciando spazio al peggio del lassismo e della subcultura, con fenomeni di devastazione sia della vita dei cittadini, sia dei giovani mandati al macello alcolico/drogato senza alcun controllo, sia dei luoghi che spesso sono gioielli di incomparabile valore storico/architettonico. Le Istituzioni cittadine, tranne in rarissimi casi, non fanno nulla anzi normalmente alimentano il proliferare dei locali della notte e tutto ciò che ne consegue senza alcun controllo, anche qui molto probabilmente gli interessi sono grandi: voti, consenso, incassi da suolo pubblico, tasse rifiuti, ecc.ecc. Il doc di Bernieri diventa simbolo di questo sfascio “programmato”, le stesse cose accadono in quasi tutta Italia.
Il Coordinamento Nazionale No Degrado e Mala Movida raccoglie testimonianze di associazioni e comitati da tutto il Paese ed è nato per evidenziare e “combattere” lo scempio dilagante nell’ottica di arrivare a sensibilizzare in maniera sempre più forte le Istituzioni chiedendo un radicale cambiamento per raggiungere condizioni di normale civiltà, pensiamo che l’Italia e gli italiani lo meritino!
  Simonetta Chierici
(Presidente Coordinamento Nazionale No Degrado e Mala Movida)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.