Milano rurale, oggi all’ombra del Duomo- Laboratori per bambini e famiglie

Notizie in evidenza

Milano 13 Settembre – Giocare con paglia e fieno in pieno centro città, scoprire l’affascinante mondo delle api sotto le guglie del Duomo, manipolare e creare con la cera degli alveari, pulire e lavorare i chicchi di riso tra le vie famose per lo shopping. Sarà possibile oggi, domenica 13 settembre, dalle ore 16 alle ore 19 in via Santa Radegonda: negli spazi del Techno Souq della Rinascente si terranno infatti i laboratori organizzati dal Distretto Agricolo Milanese per far scoprire ai bambini e alle loro famiglie le meraviglie del mondo rurale che anima una parte importante eppure ancora poco conosciuta del territorio cittadino. Si tratta di una delle tante iniziative della settimana dedicata all’agricoltura urbana, in calendario fino a martedì 15 settembre, promossa dal Consorzio Dam e Associazione Cascine Milano con la collaborazione del gruppo Rinascente. Un’occasione per parlare della rinascita della cascinacampagna metropolitana e delle 65 cascine che fanno di Milano il secondo comune agricolo italiano, dei quasi 3mila ettari di terra coltivata su cui crescono riso, mais e verdura che ogni giorno vengono venduti nei mercati agricoli e nei supermercati, e delle tante iniziative didattiche, sociali e culturali che si svolgono negli storici edifici del paesaggio rurale.

“L’iniziativa in Santa Radegonda – ha detto Andrea Falappi, presidente del Consorzio DAM – è un’occasione preziosa che riporta nel centro di Milano la sua campagna, attraverso tutte quelle espressioni che contraddistinguono un’agricoltura integrata alla città nell’intento di rispondere ai suoi bisogni. È il riconoscimento che le 34 aziende agricole del distretto hanno recuperato con la loro azione, in collaborazione con gli Enti locali, l’antica immagine, ora moderna, della Milano rurale”. “Si tratta di un’importante opportunità – ha concluso Umberto Zandrini, presidente dell’Associazione Cascine Milano – per rendere noto il patrimonio delle cascine e le sue reti ai cittadini di Milano e non solo, per valorizzare questi luoghi ricchi di storia e di attività e per salvaguardarli da incuria e speculazioni”. (Omni Milano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.