Porta Vittoria: colluttazione fra autista tram e ubriaco che vuole entrare in cabina guida

Cronaca

Milano 24 Agosto – Sale su un tram e pretende di entrare in cabina di guida. Fallisce nel suo intento e a fine serata si ritrova con una denuncia a piede libero. Il protagonista è un peruviano di 39 anni, ubriaco. Il malcapitato, un tramviere che si è visto costretto a fermare il mezzo e a fronteggiare il fastidioso intruso per allontanarlo. 

Tutto è iniziato sabato verso le 20, in corso di Porta Vittoria. Il peruviano è salito sul tram alla fermata che si trova davanti al tribunale. Subito ha iniziato a molestare il conducente provando a entrare nella cabina di guida. Secondo quanto comunicato dalla polizia locale, il sudamericano ha avuto una breve colluttazione con l’autista che ha riportato lievi escoriazioni. Ferite che comunque non hanno reso necessario il trasporto in ospedale. In difesa dell’autista sarebbero intervenuti anche alcuni passeggeri. Una volante della polizia locale ha notato la concitazione sul mezzo che intanto era stato fermato ed è intervenuta per bloccare il peruviano. Quest’ultimo aveva precedenti del 2009 per la violazione della legge sull’immigrazione e un permesso di soggiorno scaduto lo scorso giugno, è stato denunciato a piede libero per interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale. Sul posto è arrivato anche il servizio Security di Atm.

 

 Atm ribadisce che dal 2010 al 2014 le aggressioni sono diminuite del 30%, passando da 219 a 150 l’anno. Inoltre, da febbraio di quest’anno, l’Azienda ha più che raddoppiato il numero degli addetti alla sicurezza, passati da 50 (numero fermo dal 2010) a ben 125 persone. Fra gli altri episodi che quest’estate hanno visto coinvolto personale Atm si ricordano in particolare un autista di Radiobus spintonato da una baby gang e un tramviere preso a schiaffi sulla linea 14 da un passeggero. (Il Giorno Milano)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.