Mangiare piccante allunga la vita

Scienza e Salute

Milano 24 Agosto – Mangiare piccante è associato a un minor rischio di morte, sia in generale, sia per cancro, malattie cardiovascolari o respiratorie. È quanto osservato in uno studio epidemiologico appena pubblicato sul British Medical Journal.
Quella che è stata osservata è per ora solo un’associazione, non un rapporto di causa-effetto, ma si aggiunge ai diversi altri studi che mostrano proprietà interessanti per la salute dei cibi speziati, in particolare dell’ingrediente “hot” per eccellenza, il peperoncino. Molte ricerche hanno evidenziato che le spezie e il loro ingrediente attivo, la capsaicina, hanno un effetto anti-obesità, anti-ossidante, anti-infiammatorio e addirittura, da test in vitro, antitumorale.

Un gruppo internazionale di ricercatori guidato da scienziati dell’Accademia cinese di scienze mediche ha esaminato l’associazione tra consumo di pietanze speziate nella dieta giornaliera e il rischio totale di morte in una popolazione di quasi 500mila persone tra i 30 e gli 80 anni. Tra il 2004 e il 2008 tutti i partecipanti hanno risposto a domande sulla loro salute, il loro stile di vita e il consumo di cibi piccanti, carne rossa, verdura e alcol. Nell’arco del tempo, sono state registrate tra i partecipanti circa 20mila morti. E analizzando i dati è emerso che tra coloro che mangiavano piccante tre o più volte la settimana il rischio di morte era del 14 per cento inferiore rispetto a quelli che lo facevano meno di una la settimana. Mentre il consumo di cibi speziati anche solo una o due volte a settimana è risultato associato a una diminuzione di rischio del 10 per cento. Il risulta vale sia per gli uomini sia per le donne, e l’effetto sembra maggiore in coloro che non consumano alcol.

Nello studio è emerso che tra le varie spezie usate per insaporire i cibi tra coloro a minor rischio di morte il peperoncino, fresco o essiccato, è stata la più usata. Il peperoncino fresco, in particolare, è stato l’ingrediente maggiormente associato alla diminuzione del rischio di morte per cancro, malattie ischemiche e diabete.

I ricercatori suggeriscono che l’effetto positivo sia dovuto  alla capsaicina e alla vitamina C, di cui il peperoncino fresco è più ricco rispetto a quello secco, ma anche ad altri ingredienti. È troppo presto per consigliare una dieta piccante come ausilio per la salute, ma nello stesso tempo, per chi lo ama, perché no? Chiara Palmerini (Panorama)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.