Parla una clochard “Portatemi in carcere, stasera potrò avere un pasto caldo e farmi la doccia”

E’ scossa, agitata nei jeans informi e una felpa, davanti al giudice, in un processo per direttissima, a Milano. La donna, piegata su se stessa, con la rassegnazione dei vinti, non sa coordinare un pensiero, fatica a capire, la miseria della sua vita non ha un ordine. La miseria non giustifica la fame, i desideri, […]

Leggi tutto