Ventenne massacrato da baby gang, Mosap: «Abbiamo messo a disposizione della famiglia il nostro legale»

Cronaca

«È semplicemente inaccettabile che le nostre città diventino luoghi di violenza e degrado anche nel centro cittadino, nelle città metropolitane presidiate da forze dell’ordine come nei piccoli centri, a qualunque ora del giorno e della notte e nei confronti di inermi ragazzi, la cui unica colpa è di trovarsi al posto sbagliato al momento sbagliato. Quanto è accaduto a Milano al figlio del nostro collega è semplicemente inaccettabile. Ciascuno di noi – dice Fabio Conestà, segretario generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap) – potrebbe trovarsi nei panni del genitore colpito da una di queste baby gang, costituite molto spesso da ragazzi giovanissimi, anche minorenni, che probabilmente immaginano di poterla fare franca proprio in ragione della loro incapacità legale. Il Mosap condanna fermamente questa forma di violenza giovanile, assolutamente cieca e imprevedibile e per questo ancor più insidiosa, perché colpisce a caso. Per tale motivo – spiega il sindacalista – abbiamo messo a disposizione del ragazzo ferito l’avvocato Antonello Madeo, legale del Mosap, il quale ha già depositato presso la procura di Milano la nomina per poter svolgere la propria attività a supporto e a sostegno della magistratura inquirente. Solo con una risposta ferma da parte dello Stato queste baby gang potranno essere fronteggiate e smantellate, permettendo ai nostri figli di potersi godere i fine settimana nelle meravigliose città italiane senza dover rischiare di telefonare i genitori da un pronto soccorso, magari con codice rosso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.